domenica 27 maggio 2012

In visita ad una scuola steineriana



Ieri, io, un'amica e mio figlio più grande abbiamo fatto visita ad una scuola steineriana.
In occasione di una loro festa, hanno aperto le porte della scuola a chiunque fosse interessato a visitarla.
Ho studiato la pedagogia e la filosofia steineriana attraverso i libri, ed ero curiosa di vedere con i miei occhi la realtà pratica di una scuola.
Il luogo in cui sorge è molto accogliente, appena fuori le porte della città, immersa nel verde, con ampie zone verdi rigogliose, e un vasto giardino.





Ciò che mi ha sorpreso di più è l'aria che si respira all'interno.
Il senso artistico, che pervade l'ambiente si percepisce chiaramente.
Gli arredi sono molto semplici, e la raffinatezza e la bellezza da cui ci si sente circondati, sono trasmessi dalle opere degli allievi appese ai muri lungo i corridoi o a tappezzare le pareti delle classi.




Disegni e acquerelli creano un gioco di colori, che rapisce, e non si può fare a meno di sostare davanti all'espressività di questi lavori.
Nelle scuole steineriane viene data estrema importanza all'arte e al lavoro manuale (vedi qui ); oltre al disegno, all'acquerello, sono allestiti laboratori di cucito, di tessitura, di lavoro a maglia, di intaglio del legno, di modellaggio.




Qui sotto i lavori di intaglio del legno eseguiti dai bambini più grandicelli, di 7° ed 8° classe (le normali 2° e 3° media):



Lo studio della storia è stato approfondito da un laboratorio di cucito che ha permesso di realizzare questo:


Abbiamo concluso la giornata nel piccolo 'teatro', ad ascoltare i canti preparati per noi dal 'coro'.
Nelle scuole steineriane, viene riservato uno spazio particolare anche alla musica ed alle rappresentazioni teatrali.
Ecco uno scorcio del  'teatro':


Ciò che ho percepito è un profondo rispetto per il bambino.
Tutti i materiali utilizzati e l'approccio stesso alle materie permette ai bambini di esprimersi liberamente in virtù delle proprie caratteristiche e dei propri talenti, stimolando l'amore per l'apprendimento.
Attraverso i laboratori e la realizzazione dei progetti viene inoltre rafforzata la volontà, l'autostima del bambino, l'amore per il lavoro e l'operosità.
E' stata per tutti noi una giornata diversa e ricca di emozioni.
Spero di averle rese almeno in parte attraverso queste fotografie.

13 commenti:

  1. Riconosco questa scuola meravigliosa, ci porto i miei figli alla festa di Natale, per un giorno respiriamo un'aria diversa, io immagino come sarebbe mandarli ad una scuola come questa...ci lasciamo avvolgere dagli odori, i sapori, il rispetto per i basmbini...e poi il giorno dopo ritorniamo alle nostre scuole a circa 100 km di distanza ma ad anni luce di distanza mentale e portiamo nel cuore un pezzo di realtà che esiste davvero!
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco....
      è stata davvero una bella esperienza per noi! sicuramente da ripetere! inoltre ho comprato a buon mercato della lana cardata, ed un piccolo telaio...così posso fare qualcosa a casa con i miei bambini.
      Cerco di integrare a casa quello che non viene fatto nelle scuole pubbliche...per quello che posso...
      Questa estate ho deciso di approfondire con il mio maggiore il 'disegno di forme'...quando sarò pronta con il materiale, se ti interessa, faro' un post!
      intanto grazie per essere passata.

      Elimina
  2. NOi siamo fortunati! A settembre la mia prima bimba comincia la materna alla scuola steiner e continuerà fino all'ottava classe. E' la prima volta che capito sul tuo blog e mi piace il tuo interesse per l'antroposofia. Sul mio blog racconterò anche del nostro percorso di vita all'interno della scuola, del nostro rapportarci col resto del mondo. Aspetto con ansia tuoi commenti visto che sei così ferrata in materia! ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente, molto volentieri passerò a trovarti!
      quello che cerco è proprio uno scambio costruttivo di esperienze e conoscenze!
      a presto

      Elimina
    2. Ciao Ste,
      rileggo ora questo tuo post e mi chiedo: i tuoi figli mi sembra di aver capito che non li mandi ad una scuola steineriana...volevo sapere se è stata una scelta di comodità (intendo vicinanza) o se ci sono altri motivi che ti hanno frenato.
      Noi stiamo valutando la scuola materna per la nostra bimba e siamo molto orientati verso lo steineriano (anche se non è bella come la scuola che hai visitato tu)per i tanti lati belli che hai messo in evidenza anche tu attraverso questo articolo e l'intervista all'insegnante steineriana ma ci sono ancora dei dubbi, oltre all'impegno economico considerevole.
      Mi interessava il tuo parere.
      Ciao!

      Elimina
    3. Ti risponderò molto sinceramente. Non mando i miei figlia alla scuola steineriana perchè da me non ce ne sono. La piu' vicina è a 150 km. Certo come avrai capito, mi piace molto la pedagogia steineriana e ci ho fondato l'educazione dei miei figli. Ma è difficile dirti se li avrei mandati ad una scuola waldorf. Avrei voluto conoscere bene le insegnanti..farci un po' di chiacchiere...perchè sono sempre le 'persone' che fanno la scuola indipendentemente dagli indirizzi di pensiero.Te lo dico perchè ho conosciuto antroposifi molto molto estremi, e se l'insegnante fosse stato di questo genere non avrei mandato i miei figli nella sua scuola.I miei bimbi frequentano una scuola statale e mi reputo molto fortunata perchè le maestre sono fantastiche e molto molto aperte. L'unico consiglio che posso darti quindi è questo: visita la scuola ma soprattutto parla con le insegnanti.

      Elimina
  3. Sì,anch'io la penso come te...le insegnanti fanno la differenza al di là dell'approccio; devo dire però che il livello di apertura ma anche direi il coraggio di portare avanti un "credo pedagogico" diverso da quello consueto non è così frequente tra le insegnanti. Parlando con amici che lavorano nella scuola, mi hanno confermato che anche qualora ci fosse un'insegnante davvero illuminata le sarebbe difficile (o comunque ci provano a renderglielo difficile) portare fino in fondo le proprie idee perchè all'interno di un sistema che ragiona in un certo modo. Io ho lavorato in alcune scuole materne e, per quanto brave le insegnanti, rimanevo esterefatta dalla quantità di cose che veniva chiesto di imparare a bambini di 3-4-5 anni che davvero dovrebbero avere tutto per la testa tranne quello di imparare ad ogni costo per restare al passo con il mondo...
    E' un peccato che certe scuole valide rischino di rimanere un privilegio per pochi...
    Complimenti per il tuo impegno ad applicare un approccio pedagogico in cui credi a casa nella quotidianità...non è per niente facile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! infatti i genitori degli 'amichetti' dei miei figli si lamentano perchè secondo loro i figli 'fanno troppo poco'...mentre io faccio i salti di gioia! In effetti sono stata fortunata.
      A casa noi pero' possiamo fare tanto, ti dirò la gran parte.
      Questa convinzione e la soddisfazione che ricavo sono il motore che mi dà l'energia necessaria per applicare a casa ciò in cui credo. A volte è difficile, soprattutto mediare, perchè viviamo in un mondo che va in un'altra direzione...ma questa è la sfida con cui ci confrontiamo noi genitori oggi. Credo che uno studio ed una ricerca continua, un lavoro su noi stessi ed una buona dose di buon senso siano strumenti molto validi per aiutare noi genitori nell'importante compito di formare le generazioni future.
      A presto, è davvero un piacere dialogare con te!!!!
      (ps. non mi sono dimenticata il post sui bambini e lo sport, arriverà presto!)
      Ste

      Elimina
    2. Sì, per il post sullo sport, figurati..già non so come fai a stare dietro a tutto, tra cui alle mie tante domande. E ci risiamo con un'altra domanda. Sorry...
      Volevo sapere se tu nel tentare di applicare dei concetti della pedagogia steineriana a casa, ti ispiri a qualche testo in particolare e se ne hai da consigliarmi. Non tanto su cos'è la pedagogia steineriana (ho già letto testi a riguardo) ma proprio un libro di applicazioni pratiche...lavoretti da fare, giochi, preparazione di festività (tipo il tuo post sull'attesa del Natale insieme ai bambini), costruzioni di giocattoli,ecc ecc. insomma cose pratiche che si ispirino a quella pedagogia.
      grazie tante ancora.....

      Elimina
    3. Sinceramente non ho trovato molto..Gli unici due a cui mi sono ispirata sono : BAMBINI E BAMBOLE di Karin Neushutz (con questo ho imparato a fare le bambole steineriane di ogni tipo, è facile e per me è stata una buona base).
      GIOCATTOLI FATTI DAI GENITORI edito da Natura e Cultura, anche questo contiene indicazioni su come realizzare giocattoli semplici per i bambini e ti dà un'idea anche delle attività che si possono fare.
      Infine il libro in assoluto che sfoglio più spesso e che reputo indispensabile per ogni mamma interessata a questa pedagogia è ; LA SALUTE DEL BAMBINO di W. Goebel e M. Glockler (è costoso ma vale la pena, un compendio generale sulle malattie, i modi di intervento, l'educazione...tutto quello che puo' interessare la crescita del bambino dalla nascita all'adolescenza...).
      Il libro del post sull'attesa del Natale sono fotocopie che mi hanno dato quando anni fa frequentavo un gruppo antroposofico...ma sono fotocopie...non so come reperirlo...
      Non ti preoccupare per le domande, sono felicissima di trovare persone che condividono l'interesse per la pedagogia steineriana!!!
      a presto!

      Elimina
  4. Grazie mille Ste!

    RispondiElimina
  5. Mi riallaccio a questo post sulla pedagogia steineriana...
    la mia bimba ha frequentato un asilo steineriano in cui ci siamo trovati bene e ora sarebbe -nelle scuole classiche- il momento dell'inizio della prima elementare ma, come saprai, gli steineriani consigliano l'inizio della scuola a 7 anni ed essendo lei tra quelli nati dopo l'estate, alla scuola elementare steineriana non la prenderebbero perché ai bimbi di fine anno fanno fare "l'anno del re". Ora, noi abbiamo fatto domanda di educazione parentale per tenerla un altro anno in asilo ma i dubbi sono tanti...
    innanzitutto non sappiamo se farle proseguire anche alle elementari la scuola steineriana (i pareri che si sentono sono contrastanti a riguardo) o se iscriverla in una scuola classica... mio marito è dell'idea di farle fare comunque un anno in più di asilo e poi decidere la scuola ma io non sono convinta perché se andasse poi alla steineriana si troverebbe più o meno con coetanei ma se la scelta cadesse su una scuola classica, si troverebbe più grande di un anno rispetto agli altri e secondo me questo un po' di impatto ce l'avrebbe a livello di integrazione, specie fra qualche anno. Non credi?
    Per quanto riguarda la scuola steineriana, ad oggi, non si sa chi sarebbe il maestro dell'anno prossimo perciò non abbiamo elementi per decidere in base a questo e la scuola non sarebbe vicina a casa perché per arrivare ci vogliono circa 45'di auto...mi chiedo...vale la pena di farle fare un'ora e mezza di strada al giorno per mandarla in una scuola steineriana? Non so...
    Grazie per l'ascolto ed eventuali tuoi consigli!!!

    RispondiElimina
  6. Carissima NOvella, sono sempre decisioni molto difficili.Io penso che il fatto di iniziare la scuola a 7 anni come fissato dagli steineriani è relativo...nel senso che ogni bambino è a sè. Ci sono bambini che a 6 anni sono maturi per la scuola e altri che a 7 non lo sarebbero ancora. Quindi irrigidirsi su queste posizioni non lo trovo utile. Mio figlio maggiore a 6 anni non era pronto per la scuola...era ancora tanto bambino...la prima elementare è stata difficile ma ha avuto delle maestre (della scuola pubblica) fantastiche che hanno saputo accoglierlo, rispettarlo e farlo crescere senza appesantirlo. Perchè un'altra mia convinzione è che la differenza non la fa il tipo di scuola, ma sempre e solo la persona dell'insegnante. Se non puoi conoscere il maestro che avrà alla steineriana puoi informarti su quelle che avrebbe nella scuola classica, così potrai valutare meglio. Anche i 45 minuti di auto non sono pochi e vanno attentamente considerati perchè comunque si riflettono non solo sulla bambina ma anche sulla vita familiare. Occorre valutare bene il peso che questo potrebbe avere su vostra figlia e sulla famiglia. I miei figli non hanno frequentato una scuola steineriana perchè non ce ne sono nelle vicinanze ma ho sempre compensato facendoli partecipare a laboratori steineriani per bambini che si tengono in zona e con le mie scelte educative in casa. Come vedi le soluzioni sono tante, sta a voi cercare quella più adatta alla vostra famiglia che è unica e speciale. Fammi sapere, se ti va, cosa deciderete! buona giornata

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)