mercoledì 30 maggio 2012

In attesa dell'estate



L’ultimo scorcio di primavera l’ho dedicato alla produzione
casalinga di aceto di mele, confettura di fragole e carciofi sott’olio.



In casa mia l’aceto di mele è molto utilizzato (per pulire la
lavatrice ed i pavimenti, come ammorbidente, anticalcare…etc)
 e così mi ritrovavo sommersa da bottiglie di vetro da destinare
 alla raccolta differenziata.
Quando ho trovato la ricetta per produrlo in casa, non mi è parso vero!
Potevo riciclare anche le vecchie bottiglie!
Dopo i 40 giorni richiesti ho travasato i miei primi 5 litri di aceto con enorme
soddisfazione!

Ecco la ricetta che ho trovato io:
Tagliare a pezzetti 1 kg di mele lavate, eliminando semi e parti dure.
Passarle con la buccia nella centrifuga.
Mettere il succo di mela così ricavato in un recipiente di vetro, aggiungere
5 litri di acqua ed un kg di zucchero e chiudere con un coperchio  o
con un canovaccio.
Lasciare fermentare per 40 gg in questo modo:

-primi 10 gg: agitare di tanto , giornalmente, eventualmente aiutandosi
con un cucchiaio di legno

-dall’11° al 30° gg mescolare un giorno si e uno no

-dal 31° al 40° giorno lasciare riposare completamente senza mescolare.

Filtrare e imbottigliare, l’aceto è pronto.

 (tratto da: Scappo dalla città,G.Cacciola)







Nel frattempo l’orto di mia mamma si riempiva di carciofi, così
ho pensato di metterne un po’ sott’olio da utilizzare durante
l’inverno.
Ne ho preparati diversi vasetti da tenere come scorta.

La ricetta è quella che uso per la giardiniera di verdure:

Metto in una pentola 1 litro di acqua, mezzo litro di aceto,
mezzo bicchiere di olio, 1 cucchiaio di sale ed uno di zucchero.
Vi ho fatto bollire i carciofi per 5 minuti, poi li ho scolati e avvolti
in un panno.
Il giorno dopo li ho messi nei vasetti assieme all’olio di girasole.




Infine le fragole!!!!!
Ne ho acquistati 4,5 kg tramite il GAS della mia zona.
Ho preparato numerosi vasetti di marmellata, che i miei figli
adorano, sia spalmata sul pane, ma anche sulle crostate o come
ripieno dei biscotti.
Procedo in questo modo:

Metto le fragole in una pentola, assieme al succo di 1 limone
ed a una quantità di zucchero pari a metà del peso della frutta.
Faccio bollire circa 15-20 minuti poi riduco in crema 
con un frullatore ad immersione.
Faccio bollire a fuoco basso per circa un paio di ore,
 e comunque sino a quando la marmellata non si è 
rappresa al punto giusto.
La verso poi in vasetti sterilizzati
 (li bollo per 20 minuti in acqua demineralizzata),
 che poi capovolgo a ‘testa in giù’ e  copro con una coperta.
Quando si sono raffreddati li dispongo di nuovo nel loro verso e li ripongo in
dispensa.



9 commenti:

  1. eh no eh l'aceto devo proprio provarlo!!!
    grazie!

    RispondiElimina
  2. si certo è estremamente facile ! ti darà soddisfazione specie se sei come me che lo uso tanto...

    RispondiElimina
  3. ahhhhh trovato...non ho resistito visto....presto lo faccio!!!!!!!
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedrai che soddisfazione! l'importante è che lo filtri per bene!
      Poi fammi sapere!

      Elimina
  4. ricette fantastiche! Ora sto traslocando e la casa è un inferno (non che prima..), ma appena mi sistema, voglio provare l'aceto! Anche io ne uso molto soprattutto per pulire (ne ho appena comprati 20 litri). Una domanda: vista la presenza di zucchero, hai notato se attira formiche, per esempio se lo usi per pulire il pavimento? Grazie mille e complimenti per il tuo blog. Fa venire una gran voglia di fare. Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice che ti piaccia!
      ...io non ho trovato mai traccia di formiche....

      Elimina
  5. Io me lo sono scordato in cantina ;-) .... l'odore di aceto c'è... devo soll verificare che sia vero aceto e non acqua puzzolente ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedrai che non è successo nulla e sarà vero aceto!

      Elimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)