sabato, gennaio 28

Un esercizio pratico per semplificare la vita e ritrovare il buon umore

Per più di 10 anni ho praticato la corsa a livello agonistico; mezzofondo e maratone. Di queste ultime ne ho corse 5 prima di appendere le scarpette al chiodo.

Sono competizioni che richiedono una preparazione impegnativa ed un certo atteggiamento mentale. Sono faticose e mettono alla prova  fisicamente e psicologicamente; eh sì l'atteggiamento mentale ha un ruolo davvero decisivo.

Sin dalla prima gara ho capito che se focalizzavo  troppo la mia attenzione sui km che mi separavano dal traguardo, avrei sentito maggiormento il peso della fatica, che invitabilmente accompagna questo tipo di competizioni, tanto da non riuscire a godermi la corsa.

Certo era importante focalizzarsi sull'obiettivo (raggiungere il traguardo in un determinato tempo), ma lo era altrettanto godermi il percorso che mi avrebbe portato a tagliare il nastro di arrivo. 

Oggi coach, psicologi, formatori e consulenti sono tutti concordi nell'affermare quanto avere degli obiettivi sia indispensabile per una vita felice.


"Per essere felici abbiamo bisogno di identificare e perseguire obiettivi che siano piacevoli ma anche pieni di significato"

 

mercoledì, gennaio 11

Come trasformare vecchie magliette in un tappeto

Non importa quanto possiamo essere motivati, tutti noi abbiamo dei compiti che non vogliamo svolgere; alcuni li troviamo noiosi, altri inutili o fastidiosi, altri ancora stancanti oppure  semplicemente richiedono del tempo di cui non disponiamo.

Come muoversi quando ci si trova bloccati?

Il primo passo è riconoscere che essere motivati non significa dover necessariamente provare una sensazione di eccitazione, entusiasmo, energia. La motivazione è semplicemente la ragione (o più di una) che ci fa agire un determinato modo.

Si puo' decidere di fare qualcosa anche se l'idea al momento non ci esalta, ma semplicemente perchè troviamo una ragione per noi significativa.

Possiamo scegliere di fare qualcosa perchè:

  • ci aiuta a contenere l'ansia
  • ci fa stare bene con noi stessi
  • ci allinea ai nostri valori
  • riduce lo stress
  • è fonte di soddisfazione
  • ci gratifica
  • è di aiuto a qualcuno a cui teniamo
  • è motivo di guadagno
Possiamo affermare che, anche se non ci sentiamo particolarmente motivati da un compito, possiamo comunque trovare un motivo per portarlo a termine guardando oltre al compito stesso, ovvero concentrandoci sui risultati.

domenica, dicembre 4

Come smettere di sottovalutarci


Vi capita, qualche volta, di sentirvi preda di un malessere diffuso che vi impedisce di apprezzare la vita fino in fondo anche se, almeno in apparenza, non vi manca nulla per essere felici?

Molto spesso la tristezza che offusca la nostra vita, nasce da una sorta di guerra interiore frutto del costante auto-criticismo e dell'atteggiamento di condanna per le nostre debolezze ed i fallimenti personali (o di ciò che consideriamo tali).

Spesso, tale stato di scoraggiamento è aggravato  dal fatto che, nella vita in generale, è più difficile vedere gli aspetti postivi che quelli negativi. Aggiungo anche che questa tendenza ci accomuna un po' tutti.

Perchè accade questo?

Dovete sapere che nell'ambiente naturale, le informazioni negative sono molto importanti in quanto segnalano una minaccia; di fronte ad un pericolo pertanto il nostro corpo è pronto a rispondere con quella che viene definita una reazione attacco/fuga. E' una questione di sopravvivenza ed è così che ci siamo evoluti.

Le informazioni positive non sono così cruciali per la nostra sopravvivenza immediata, per cui il nostro cervello dedica meno tempo ed attenzione a questo tipo di messaggi. Fatta questa premessa e tornando ai nostri tratti positivi, le cose si fanno ancora più complesse perchè pensare alle proprie qualità mette a disagio ad esempio coloro che non vogliono sembrare presuntuosi.

Questo perchè l' essere presuntuosi è considerato una possibile minaccia in quanto nasconde il pericolo di essere allontanati dagli altri e quindi di restare soli..

Per questo motivo e per mille altre ragioni molte persone hanno difficoltà ad accettare i complimenti, non riescono proprio a goderseli. Un' altra di queste paure potrebbe essere ad esempio quella di stabilire aspettative troppo alte con il rischio di deludere gli altri.

In fondo c'è una ragione per cui prendiamo sempre le parti dell'eroe modesto e schivo nel film piuttosto che quelle dell'antagonista gradasso e sfacciato. A nessuno piace essere un narcisista, eccetto al narcisista stesso (ne ho parlato nell'articolo sui pericoli dell'autostima che trovate qui). Se prendiamo atto dei nostri aspetti positivi e ne traiamo piacere, non vuol dire che siamo egocentrici ed egoisti? E gli egoisti non sono amabili, giusto? E' un po' un circolo vizioso. 

Allora come celebriamo le nostre qualità ammirevoli senza cadere nella trappola egoistica?

domenica, novembre 6

Come trovare la motivazione per fare attività fisica in modo costante

Tutti noi sappiamo quanto sia importante praticare attività fisica per la salute del nostro corpo ma anche per il benessere psicologico. Molte malattie tipiche della nostra società sono infatti legate alla sedentarietà oltre che a cattive abitudini alimentari.

Fare esercizio fisico in modo regolare ci permette inoltre di sentirci bene nel nostro corpo, di contrastare lo stress, ricaricarci di energia, divertirci, socializzare o ritagliarci momenti per stare con noi stessi in maniera attiva.

Tutte queste sono le motivazioni che il più delle volte ci spingono a pianificare la pratica di un' attività regolare, magari anche variando il tipo di esercizio (corsa, camminata, pesi, corpo libero, pilates...) per evitare di cadere nella noia. Tutto con l'obiettivo di restare costanti e consolidare nel tempo quella che consideriamo una buona abitudine.

Eppure, l'esperienza pratica ci dimostra che, le buone intenzioni non sono sufficienti; diventare consapevoli di un problema e desiderare di risolverlo non basta. Quando arriviamo a casa, il più delle volte ci sentiamo così stanchi, presi da tante cose da fare, da mille distrazioni che alla fine ci "manca la voglia".

Provo quindi ad approfondire la questione affrontandola da diversi punti di vista e vi propongo  un esercizio pratico che potrete subito sperimentare.

sabato, ottobre 29

[VIDEOLEZIONE] Come risparmiare in modo sano


Questa videolezione si rivolge a tutti coloro che sono alla ricerca di informazioni e strumenti pratici, semplici ed efficaci per affrontare al meglio il periodo di crisi economica che stiamo vivendo.


Costo della videolezione  29,90 € .

giovedì, settembre 29

Mappa del sito: trova subito gli articoli di tuo interesse

 Clicca QUI accedere alla mappa del sito con l'elenco degli articoli

12 attività da 5 minuti che ti aiuteranno ad organizzarti meglio in casa

 



Quante di noi trovano, ogni giorno, le scuse più varie per rimandare le tanto odiate pulizie di casa o il riordino? Molte sono efficienti sul lavoro, mamme attente e premurose, ma quando si tratta di pulizie e riordino si sentono prive della spinta necessaria a iniziare o portare a termine qualsiasi attività. 

Eh sì, la procrastinazione puo' essere un vero problema: ore e addirittura giorni interi sprecati a non concludere nulla, per non parlare della frustrazione e dello stress per il disordine che dilaga, la montagna di panni da lavare che cresce a dismisura, lo sporco che si accumula; tutto questo genera stress e non ci permette di vivere serenamente.

I motivi che ci portano a rimandare possono essere i più diversi: non amiamo occuparci della casa perchè lo riteniamo tempo sprecato, non ci sentiamo in grado di farlo perchè non possiamo raggiungere gli standard di perfezione che ci siamo imposte, per un senso di ribellione magari legata all'educazione che abbiamo ricevuto o semplicemente perchè non conosciamo le strategie più efficaci e veloci per avere una casa in ordine e pulita.

Non è necessario organizzare una avvilente maratona di pulizie per sistemare casa, possiamo scegliere la via dei piccoli passi (la mia preferita); si tratta di compiere piccole azioni quotidiane che ci aiuteranno ad organizzare al meglio la gestione delle nostre attività domestiche.

Abbiamo tutti qualche finestra di 5 minuti a disposizione durante il giorno, quindi perché non usarle per organizzarci un po' di più?

Se avete qualche minuto libero prima di andare al lavoro, mentre aspettate che i vostri figli finiscano di prepararsi,  mentre la pasta cuoce, o in qualsiasi altra occasione in cui potete sfruttare 5 minuti di tempo, scegliete un'attività dalla lista che vi propongo e portatela a termine.

lunedì, settembre 12

Accumulo di oggetti ed accumulo di peso: come la cura della casa puo' diventare cura di sè


Quanti di noi tendono a consolarsi per una giornata no, una cattiva notizia, i mille problemi connessi alla nostra quotidianità  comprando nuovi oggetti, vestiti, libri, riviste, cosmetici, utensili, elettrodomestici, oggetti di arredamento?

Le nostre abitazioni o quelle dei nostri amici, conoscenti, parenti trasmettono la sensazione di essere libere e ordinate oppure sono troppo piene e caotiche?

Esistono case così ricolme di cose da rendere difficoltoso il passaggio da una stanza all'altra; si tratta di oggetti che per lo più non vengono utilizzati ma che i proprietari si rifiutano di eliminare. Si parla in questi casi di "disposofobia" o disturbo da accumulo ed è una vera e propria patologia.

Il fatto è che il comportamento di accumulo è comune a malati e sani, con la differenza che i primi lo portano fino a conseguenze estreme, tanto da compromettere il normale svolgimento della propria vita.

L'impulso all'acquisto compulsivo di oggetti per compensare le nostre carenze e sofferenze emotive non solo svuota i nostri conti correnti, ma ci obbliga alla "gestione" di questi oggetti che siamo costretti a pulire e spostare con conseguente spreco di energie e tempo. Per non parlare delle volte in cui  ci troviamo nella situazione di non riuscire a svolgere al meglio un'attività in casa nostra perchè lo spazio che ci servirebbe è occupato da pile di oggetti che utilizziamo poco o per nulla.

Gli studi ci dicono che almeno il 50% della popolazione nei Paesi industrializzati ha un problema di accumulo (sebbene la sua forma estrema sia rara). Forse sarebbe opportuno definirla una malattia del benessere, sostengono F.Berrino e D.Lumera nel loro libro "La via della leggerezza", esattamente come le malattie cardiache e l'obesità.

I casi di obesità così estrema da confinare le persone a letto sono eccezioni ma gran parte della popolazione occidentale è in sovrappeso.

Le cause che spingono ad acquistare oggetti ben oltre i bisogni funzionali sono, in linea generale, le medesime per le quali si mangia ben oltre le necessità biologiche. La società del consumo, facendo leva sulla paura e sulla mancanza o su altre insicurezze, induce le persone a comprare oggetti o cibo per agganciare a fattori esterni il proprio valore personale o per tamponare disagi emozionali.

Si instaura così un rapporto disordinato con il cibo e gli oggetti (oltre che un danno ambientale e sociale). Accumulare peso e oggetti è facile, ma una volta presi è difficile rimuoverli.

sabato, agosto 27

[VIDEOLEZIONE] Migliora la tua forza di volontà


Questa videolezione ti permetterà di risvegliare la tua forza di volontà e di allenarla fino a farla diventare un punto di forza. 

Costo della videolezione  29,90 € .

domenica, luglio 24

Aceto di rosa fai da te


Oggi voglio condividere una ricetta semplice, che tutti possono realizzare con pochi ingredienti e zero esperienza nel campo del fai da te. L'aceto di rosa è ottimo per aromatizzare le insalate, ma anche per preparare un ottimo tonico viso.

Negli ultimi anni l'interesse verso il fai da te e l'autoproduzione è cresciuto in modo esponenziale; certo le ragioni sono da ricercarsi in parte nella maggiore sensibilità nei confronti dei temi legati alla sostenibilità, in parte nel desiderio di avvicinarsi ad uno stile di vita più semplice e frugale, ma per lo più ciò che fa proseguire su questa strada sono i grandi benefici  sull'umore e sul benessere psicologico.

Oggi sono tanti gli studi e gli esperimenti clinici che testimoniano  il potere terapeutico ed i  benefici sulla salute dell'attività creativa; viene addirittura considerata un antidepressivo naturale. Di fatto le attività manuali collegano il corpo e la mente in un processo profondamente terapeutico.

Il fatto di creare qualcosa e di acquisire sempre maggiori abilità pratiche puo' fare emergere riserve inutilizzate di gioia interiore, forza, resilienza e talento. La fiducia in sè stessi e la sensazione di "sapere fare" permettono di sentirsi più "forti" e di conseguenza il mondo sembra meno temibile, qualunque sia la sfida da affrontare.

Personalmente questo è il motivo principale per cui da oltre 15 mi dedico al fai da te e cerco, come educatrice, di avvicinare le persone a queste attività che, con l'adeguato supporto psicoeducativo, possono essere decisive per affrontare periodi difficili.

Qualunque sia la ragione che vi ha portato al mio sito e all'interesse per i tutorial che condivido, sono felice di avervi qui e spero continuiate a leggermi; se non l'avete ancora fatto, in fondo all'articolo trovate il modulo per iscrivervi alla newsletter così da non perdere nessun articolo.

La ricetta vi propongo oggi richiede solo 2 ingredienti: aceto di mele e petali di rose (vanno benissimo anche quelle che avete in giardino).

mercoledì, luglio 20

Fai da te il gelato al caffè buono come in gelateria

 

Pensiero positivo, esercizio fisico e mangiare sano sembrano i nuovi capisaldi della dittatura della felicità, una sorta di sindrome del benessere!
Ovviamente non sto dicendo che ci sia qualcosa di sbagliato nel prestare attenzione a tutte queste cose, ma a volte ho la sensazione che si stia trasformando in una ossessione, che purtroppo va nella direzione opposta rispetto ai risultati sperati.

Cambiare, modificarsi, evolvere sono diventati quasi un dovere nella società moderna che esalta l'uomo quale artefice del proprio destino, anche se i dati reali ci dicono che i livelli di stress e depressione non sono mai stati così alti.

Forse dovremmo provare a trovare un punto fermo invece di essere sempre in corsa per superare nuovi ostacoli?
Questa folle corsa richiede tempo, una risorsa importante e preziosa in un'epoca in cui ci sembra di averne sempre meno.

Ecco perchè quando tutto va troppo di corsa o i problemi sembrano non avere soluzioni, fermarsi e ritagliarsi del tempo per il "fai da te" puo' fare la differenza ed aiutarci a creare quello spazio in cui emozioni e pensieri si focalizzano sul "fare" e si rigenerano proiettandoci in altri mondi.

Ecco, in quello spazio, maneggiando semplici ingredienti abbiamo la possibilità di esprimere noi stessi così come siamo e sperimentare la vera gioia del creare.

Questo gelato è nato così, in una giornata in cui avevo semplicemente voglia di fermarmi e stare in contatto con me stessa. L'esperimento creativo è riuscito ed il gelato è davvero gustosissimo!

Scopriamo subito come realizzare questo gelato davvero buono come in gelateria.

domenica, luglio 3

5 consigli TOP per difenderci dal caldo


Come educatrice mi occupo di benessere a 360 gradi ed uno dei miei obiettivi è quello di proporre soluzioni semplici alla portata di tutti che possono migliorare la nostra salute fisica e psicologica.

Scopri di più su di me qui.

Siamo oramai in piena estate e le temperature salgono a livelli vertiginosi, il caldo diventa eccessivo e questo compromette la qualità della nostra vita.

Così ho deciso di raccogliere  5 efficaci rimedi che vi aiuteranno a trovare sollievo a questa calura in modo facile e pratico.

domenica, maggio 22

Come essere più felici

 


Qualche tempo fa sul mio profilo instagram (clicca QUI per visitare il mio profilo) ho realizzato un sondaggio per capire in che misura le persone dedicano tempo a loro stesse; prendersi momenti per sè è infatti uno dei passi fondamentali sulla strada verso la felicità.

Eppure l'esito del sondaggio è stato questo:

  • il 20% delle persone ha risposto che dedica tempo a sè regolarmente
  • il 26% non dedica MAI tempo a sè
  • il 54% ha risposto che ne dedica troppo poco

Solo il 20% delle persone dedica regolarmente tempo ai propri hobby, alle attività che ama, al rilassamento, alla cura di sè.

La prima domanda che mi sono posta di fronte a questi risultati è :

perchè così tante persone non dedicano  tempo a loro stesse?

Nel suo libro "Contro il sacrificio" M. Recalcati dipinge la rinuncia alla cura di sè, come una forma di rifiuto della vita. Il "sacrificarsi", per la famiglia, i figli, i parenti, gli amici, il lavoro etc...assume la veste di VALORE MORALE.
Quanto più ti sacrifichi, rinunci a te stesso per "gli altri", tanto più HAI VALORE come persona.
E allora, sostiene Recalcati, il sacrificio diventa una forma di godimento anche se, in qualche modo ci fa del male.
Spesso questa dedizione diventa un gioco al massacro, perchè ci lascia, frustrati, stanchi, talvolta arrabbiati, nervosi, privi di energie.
L'altra faccia della medaglia è rappresentata dal fatto che, a fronte di tali rinunce, ci aspettiamo dagli altri una forma di risarcimento. Se questo non avviene allora ci sentiamo poco amati, non riconosciuti,  non adeguatamente apprezzati e si innesca così un circolo vizioso di emozioni negative che finiscono per avere conseguenze sulla qualità delle nostre relazioni.

venerdì, maggio 13

Ecco perchè se l'intestino è in salute ci sentiamo più felici


Lo sapevate che circa l’ 80-90% della popolazione soffre, a vari livelli, di qualche tipo di problema intestinale?

Nell'articolo di oggi andrò proprio ad approfondire questo tema; scopriremo che i problemi intestinali possono influenzare il nostro benessere emotivo e vedremo in dettaglio cosa compromette il buon funzionamento di un organo così importante per la nostra salute.

Già Ippocrate nel 400 a.c. dichiarava che “la cattiva digestione è l’origine di tutti i mali” individuando nell’intestino un organo in grado di influenzare la nostra salute.

Per molti secoli i batteri sono stati considerati potenziali nemici da combattere, a causa dell’assoluto dualismo batterio-malattia che si era fortemente radicato nella concezione degli scienziati, sin dal lontano 1674 quando lo studioso olandese Antoni van Leeuwenhoek, con la prima descrizione dei microorganismi diede vita ad una nuova disciplina scientifica, la Microbiologia.

Risale solo al  2007 uno dei più innovativi progetti di ricerca mai eseguiti prima sul mondo batterico; lo “Human Microbiome Project” ad opera del National Institutes of Health degli Stati Uniti. Questo studio ha arricchito la visione dell’essere umano quale macrorganismo in cui vivono, interagiscono, competono e comunicano in simbiosi complesse comunità di virus, funghi, batteri e protozoi.

Queste comunità furono definite per la prima volta da Whipps et al, nel 1988, MICROBIOTA.

Tali studi ci hanno permesso di capire che, come gli esseri umani, anche i batteri si dividono in buoni e cattivi, regolano funzioni indispensabili alla nostra vita, o la distruggono.

Vediamoli in dettaglio.

mercoledì, aprile 20

Fai da te il detergente viso: ricetta semplice e naturale

 


Ho recentemente fatto una super scoperta; i "burri detergenti" per il viso. Sono perfetti anche per rimuovere il trucco, soprattutto quello degli occhi che è sempre particolarmente difficile da eliminare.

Se state cercando un modo molto semplice, conveniente e non tossico per rimuovere il trucco, questa ricetta è la vostra soluzione.

Questo tipo di detergente viso fa per voi se, dopo la pulizia del viso, sentite la pelle secca e tirata. L'azione del burro detergente va ad agire su questo problema; elimina da una parte lo sporco, per affinità, ma senza compromettere lo strato più superficiale della nostra epidermide. In questo modo riusciamo a mantenerla in buona salute!

Insomma, possiamo proprio dire che, quando si tratta di lavare il viso, i balsami detergenti sono una delle scelte più delicate e gentili con la nostra pelle.

Oltre ai benefici per la pelle, usare un balsamo detergente è anche un ottimo modo per coccolarci. È davvero piacevole massaggiare qualcosa di ricco e nutriente sul viso dopo una lunga e faticosa giornata.

Dal momento che richiedono così pochi ingredienti, i burri detergenti sono i cosmetici più semplici da sperimentare per il fai-da-te. In effetti, con solo 3 ingredienti principali, potete realizzare questo fantastico burro detergente; non è assolutamente rivoluzionario, ma vi assicuro che funziona.

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)