mercoledì 2 marzo 2016

Ho deciso che sarebbe stata una bella giornata



Ieri mattina un' amica mi ha salutata dicendomi " Ciao Stefy come va?" Io le ho risposto: "Ho deciso che sarà una bella giornata!".

Non è stata una risposta ragionata, mi è uscita così di getto. Solo dopo ho riflettuto a mente lucida. Mi sono alzata di buon ora come ogni mattina, fuori il tempo era grigio e piovoso,  oramai da giorni lo stesso scenario.

I bambini avevano avuto l'influenza, avevo dormito poco, al lavoro erano giorni particolarmente tesi, mentre la nuova attività di mio marito continuava a metterci alla prova con nuove difficoltà, cambiamenti e magre soddisfazioni.
Non è sempre semplice trovare la forza e l'energia di affrontare i rischi e gli accadimenti piccoli o grandi della vita.
A volte ci si sente soli.  Anche quando siamo circondati da amici e persone care dai quali però non ci sentiamo compresi.

Ma io quella mattina avevo deciso che la giornata sarebbe stata splendida.

Potevo sempre arrendermi al pessimismo e alla negatività, perché iniziare ora? Meglio pensare a come rendere piacevole la giornata.

Il  tempo era grigio ma sarei potuta comunque uscire per una camminata. A dire il vero non ne avevo tanta voglia, dopo il lavoro, avrei preferito buttarmi sul letto, ma ho pensato alla meravigliosa sensazione che provo dopo avere fatto un po' di movimento, di come sento l'energia scorrere, la mente libera, lo stress volatilizzato. 
Concentrata su queste sensazioni ho infilato tuta e scarpette e sono uscita, senza neppure lavare i piatti, nella mia splendida giornata sarebbe arrivato il giusto momento anche per quelli.


Ed ecco lungo la via, mi sono lasciata cullare dal vento fresco, ho lasciato andare la mente e che gioia nel vedere i primi fiori primaverili:



Paesaggi e piccoli scorci del luogo in cui vivo, mi hanno donato un profondo senso di pace. 



In chiusura di giornata  mi è poi capitato di leggere queste parole, che hanno un po' chiuso il cerchio delle mie riflessioni:

"Goditi la corsa, è la tua corsa"

Affronta la tua vita un giorno alla volta.
Non soffermarti sul passato.
Non vivere nel futuro.
Continua a lavorare sull' adesso.
A capofitto. Lavora su ciò di cui ti  importa di più.
Rimani nel presente.

Non perdere tempo a lamentarti.
Sii grato.
E goditi la corsa.
E' la tua corsa. 
Fai si che la tua mente pensi positivo e non negativo.

Anche i giorni difficili che ti capiteranno, li ricorderai con un sorriso.

"D. Hieatt"

Camminare nella direzione dei nostri sogni, per dare vita ai nostri desideri, richiede forza, energia e capacità di guardare alle cose da un'altra prospettiva. Ma io credo che ne valga sempre la pena.
Perché come esseri umani non siamo fatti per sopravvivere ma per vivere.

E voi, come trasformate le vostre giornate in "belle giornate"?








8 commenti:

  1. Carissima Ste, mi ritrovo nella risposta alla tua amica:"Ho deciso che sarà una bella giornata!" Si, perchè ogni volta che ho deciso che una nuova "avventura"sarebbe andata bene, è andata proprio così. Penso sia vero che si sia un po' artefici del proprio futuro, anche se talvolta è difficile sorridere ed avere fiducia soprattutto se chi amiamo sembra non credere in noi. Ma, siamo noi per primi a doverci credere. Eh, bada bene, lo dico prima di tutto per convincere me. Eppure è proprio così. E allora guarda le tue scarpette, pensa a tutti i traguardi raggiunti con fatica, esercizio...tanto e anche sacrificio: la vita funziona nello stesso modo! Buon giovedì

    RispondiElimina
  2. ciao Giulia, grazie per le tue bellissime parole!

    RispondiElimina
  3. Ah, Stefania, capiti a fagiolo! Ultimamente ho pensato anch'io che anche in assenza di problemi gravi, tendiamo ad abbatterci troppo facilmente, la gente sorride poco, sembra che mostrarsi sereni o felici sia una colpa, ma quanto invece è importante determinarsi! Oggi voglio essere di buon umore e farò di tutto affinchè niente mi abbatta. Si può! Si deve!

    RispondiElimina
  4. Eh sai cosa ho notato io? Che la positività e' contagiosa!!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo post!
    E' proprio vero che a volte anche per una cosa minima ci si fa sopraffare dal pessimismo, dalla sfiducia e dalla pigrizia...sì, spesso entra in gioco proprio la pigrizia perché decidere di dare una direzione positiva alla giornata e, più in grande, alla propria vita richiede una bella dose di determinazione e forza di volontà mentre è più facile crogiolarsi nella lamentela per tutto ciò che va storto.
    Grazie Ste, ogni tanto fa bene ricordare che, nonostante e malgrado tutto il resto, siamo anche noi a dare un colore piuttosto che un altro alle nostre giornate.

    RispondiElimina
  6. Grazie a te per essere passata ed avere condiviso il tuo pensiero!

    RispondiElimina
  7. Hai ragione bisogna imparare a prendersi cura di se stessi.Mi piacerebbe provare a fare il sapone,mi manderesti la ricetta?Ho provato a fare il cif devo dire che pulisce bene,l'acciaio rimane piu' lucido.
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. Ciao Bea mandami una mail a :maghelladicasa@hotmail.it ti invierò subito la guida gratuita per fare il sapone!

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)