lunedì 26 novembre 2012

CREMA TONIFICANTE E LEVIGANTE: LA PREPARO DA ME


Quando ci si riunisce con le amiche spesso ci si ritrova a parlare dei modi per prendersi cura di sé stesse.
Certo sentirsi bene con il proprio corpo, è un requisito essenziale per un sano equilibrio interiore.
Personalmente ritengo particolarmente affascinanti le donne che con il passare del tempo hanno saputo arricchire la propria interiorità, accettare con serenità i segni che il tempo inevitabilmente lascia sul corpo, senza per  questo rinunciare a mantenersi  in forma e a curarsi, senza eccessi.
E' noto a tutti che il benessere della mente passa da quello del corpo.

Proprio durante una di queste conversazioni con le amiche, mi è stato proposto di pensare una crema fai da te, che potesse aiutare nella prevenzione della cellulite, ma anche nel combatterla o comunque che aiutasse stimolare il drenaggio dei tessuti.
Ecco la crema che ho realizzato dando come sempre la massima attenzione alle soluzioni naturali ed ai prodotti di qualità.

Come realizzare in casa una crema tonificante e levigante


Di certo questa crema non farà miracoli, anche perché la cellulite è legata anche allo stile di vita, al regime alimentare, alla quantità di acqua che ingeriamo ma anche un piccolo aiutino è bene accetto. Perchè in fondo il risultato finale è sempre dovuto all'azione sinergica di tanti elementi.
Di sicuro la pelle con questa crema, resta davvero morbida e setosa.

Ingredienti

15 g di olio extravergine di oliva di ottima qualità

ho scelto questo olio per le sue qualità emollienti e nutrienti

Ho scelto questo prodotto, perché di ottima qualità, ripristina il normale equilibrio della pelle, previene il formarsi degli inestetismi della cellulite e migliora l’aspetto della cute in caso di cellulite manifesta. Gli estratti di rusco, betulla e rosmarino, assicurano un effetto drenante e tonificante.
Il ‘problema’ dei prodotti Weleda  è che a fronte dell’ottima qualità, hanno un costo ‘elevato’. Proprio per ovviare a questo ho deciso di farne un componente della crema. In tale caso si ottiene un ottimo effetto, con una quantità minima massimizzando  in tale modo la resa del prodotto.

1 cucchiaino di cera d’api

che aiuta la crema ad addensarsi

7 gocce di olio essenziale di rosmarino

30 g di infuso di rosmarino o acqua

Procedura

Ho pesato gli oli in un piatto, ho aggiunto la cera ed ho messo a bagnomaria.


Con il vapore la cera si scioglie, quindi versate gli oli oramai liquidi in un contenitore in vetro abbastanza capiente.
Intanto scaldate l’acqua o l’infuso, che piu’ o meno deve raggiungere la stessa temperatura degli oli. Se non avete un termometro, è sufficiente  testare la temperatura con un dito.
Prendete le fruste elettriche iniziate a ‘montare gli oli’ e piano piano aggiungente l’acqua continuando a lavorare energicamente sino a quando il composto non si ‘monta’.



Versate in un vasetto sterilizzato e conservate  in frigorifero non più di un mese.
La crema diventerà della stessa consistenza di quelle che acquistate!





13 commenti:

  1. Ma quante ne sai???
    devo provare...

    RispondiElimina
  2. vedrai rimmarrai stupita per quanto è semplice....

    RispondiElimina
  3. Cavoli... mi ero appena procurata tutto per i saponi, avevo "quasi" trovato il momento di farli e tu mi aggiungi un'altra cosa alla lista??????!!!!!?????? Non c'è la farò mai ad arrivare in fondo!!!!!
    Cmq che belle e semplici idee che proponi.... io sono ancora presa con una tatina di 16 mesi che manda all'aria ogni progetto... va beh passerà... come mi dicono tutti! Però credo che farò prima la crema del sapone meno laboriosa e pericolosa!

    RispondiElimina
  4. Hai proposto una bellissima idea, spero di poter fare subito o più in là questa crema! Intanto mi sto dedicando ancora ai gessetti, sto cercando "buoni" stampi con angeli, (li farò anche a scuola).
    Sicuramente inviterò un'amica e proveremo la tua crema.
    Ciao

    RispondiElimina
  5. In effetti con una bambina così piccola non è facile organizzarsi...le creme invece sono velocissime e poco laboriose,un po' come fare un dolce!

    RispondiElimina
  6. Per Mirella: io sabato ho trovato gli stampini con gli angioletti! non vedo l'ora di provarli!

    RispondiElimina
  7. Ma dai??? Forte!
    Brava! Anche questo sarebbe un ottimo regalo di Natale... sono sicura che ci avrai già pensato! ;-)
    Ciao e buona giornata!

    P.s.: bravissima che hai ricominciato a fare moto... qui è davvero un casino essere costanti... me ne faccio una ragione, rimarrò per sempre una tapasciona! Ma in primavera una mezza la vorrei fare, non importa con che risultato... beh, vedremo... per adesso sto facendo davvero poco se non NIENTE!

    RispondiElimina
  8. si si in effetti ci ho già pensato...faro' una bella confezione: sapone e crema....
    Per la costanza nel moto...beh quella è impossibile anche per me...ma l'importante è partire...
    giusto?

    RispondiElimina
  9. Bellissima questa crema...la metto subito in lista

    RispondiElimina
  10. Ciao Ste
    ho guardato di nuovo questa tua crema e poichè sto iniziando, "timidamente"
    anch'io a realizzare creme la volevo fare.
    Volevo chiederti se si può sostituire l'olio di betulla con quello di rosa mosqueta.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! in teoria puoi sostituirlo pero' ottieni un' altra crema ...l'olio di betulla ha caratteristiche diverse da quello di rosa mosqueta...
      combatte la cellulite aiuta la circolazione...quello di rosa mosqueta viene utilizzato per le sue proprietà di attenuare i segni dell'invecchiamento cutaneo...
      Vedi tu..dipende dallo scopo che vuoi raggiungere...

      Elimina
  11. qualcuno mi potrebbe spiegare come fare l'infuso di rosmarino? come la camomilla?
    grazie in anticipo

    RispondiElimina
  12. Io lo preparo come la camomilla, porto ad ebollizione l'acqua, la verso sulla pianta e lascio in infusione sino a raffreddamento.
    Ste

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)