martedì 7 luglio 2015

I BAMBINI E LA CRISI DEI NOVE ANNI



Dallo scorso anno ho iniziato a vedere nella personalità di mio figlio alcuni "cambiamenti". Con il compimento del nono anno ed il trascorrere dei mesi, il suo atteggiamento è diventato particolarmente "insolente" e ribelle. Svogliato e menefreghista nei confronti della scuola e di tutto ciò che gli richiedeva anche un minimo impegno.
Mi sono chiesta più volte che fine avesse fatto il mio caro e tranquillo figliolo.

Negli ultimi mesi le cose sono notevolmente migliorate, è tornato ad essere calmo e mite ma estremamente pauroso e timoroso, in particolare la sera.
Ricerca coccole e abbracci e sembra tornato piccolino.

Che fare?

Ho trovato risposte e chiarimenti su alcuni testi di Rudolf Steiner e condivido oggi con voi quanto mi è stato di grande aiuto.

-------------------

Rudolf Steiner ha definito il periodo tra i nove ed i dieci anni il "passaggio del Rubicone", proprio perché il bambino attraversa  una soglia lasciandosi piano piano alle spalle il mondo dell'infanzia.

E' soprattutto la vita psichica a rivelare che il ragazzo entra in una fase evolutiva diversa.

Solitamente il bambino diventa un poco irrequieto, spesso vive quest'età di passaggio come una sorta di seconda età dell'opposizione. Il nuovo rapporto con il mondo esterno lo spinge a mettere alla prova l'autorità esterna, non perchè voglia liberarsene ma proprio perché desidera conservarla.

Molti bambini manifestano in questo periodo paure e preoccupazioni immotivate e incomprensibili accompagnate in taluni casi da crisi di mancanza della mamma.
Anche la psicologia mette in evidenza come, in questi momenti di identificazione di sè e di accenno di individualizzazione, il bambino viva, tra le tante paure, anche quella della perdita delle persone a lui più care, la mamma più di ogni altro.

Per certi versi le paure dei bambini sono tutte uguali, ma le conseguenze che lasciano hanno infinite sfumature ed i modi in cui i bambini le superano sono unici e particolari. Dipendono non solo dalla struttura del loro Io, dai meccanismi di difesa che riescono a mettere in campo ma anche dal tipo di aiuto che viene fornito loro da genitori ed educatori.

"La vera paura del bambino non sta tanto nell'intensità della situazione di pericolo che sperimenta, quanto nella consapevolezza che è lasciato solo a farvi fronte, perché la sua figura di attaccamento non è disponibile, o non è all'altezza della situazione" .
 (P. Binetti, F. Ferrazzoli, C. Flora, Ho paura)

Il suo benessere dipende sempre dalla presenza di qualcuno che è in grado di farsi carico di lui, di ascoltarlo profondamente, confortarlo con grande sensibilità, in modo tale che il bambino possa sentire l'amore del genitore e soprattutto abbia la certezza di potersi appoggiare a lui.

In questo periodo estremamente controproducente è l'atteggiamento di coloro i quali sminuiscono le paure e le preoccupazioni del bambino.

E' importante per noi genitori divenire consapevoli di questo bisogno di protezione dei nostri figli, in un'epoca così importante per lo sviluppo della sua personalità futura.
Aiutarlo a superare le sue paure, a credere in se stesso e nelle sue potenzialità e lavorare sulle nostre personali paure, in modo da trasmettergli fiducia e serenità verso il mondo è quanto di meglio possiamo fare per nostro figlio.

Ma cosa fa paura ai nostri figli?

Tutti quei contenuti che il bambino fatica a comprendere, che non riesce ad elaborare o nei confronti dei quali non si sente all'altezza. Se risvegliamo troppo presto la coscienza dei nostri figli con spiegazioni dettagliate in particolare riguardo a ciò di cui non può avere un' esperienza diretta e concreta che dia loro sicurezza, aumentiamo in lui insicurezza e paura.
Un undicenne ha ancora bisogno di farsi consolare da parole affettuose, di un'atmosfera rassicurante, mentre ad esempio un sedicenne ha bisogno di risposte, attraverso le quali possa orientarsi nella vita.
Teniamo conto di tutto ciò, le diverse epoche della vita hanno bisogni e necessità differenti.

Sperimentare la paura e superarla è un'esperienza indispensabile per i nostri figli, poichè li aiuta nel prendere coscienza di sè, nel costruire la loro personalità; è un importante fattore di apprendimento se saremo in grado di restare al loro fianco.

E' importante fare sentire al bambino che c'e' qualcosa di elevato sopra di loro, un mondo spirituale ed ideali a cui tendere. Un qualcosa di più grande e saggio da cui anche noi genitori ci facciamo ispirare.

Mi è stato particolarmente utile, in particolare prima di andare dormire o nei momenti di particolare ansia e paura, ricordare a mio figlio la presenza del suo Angelo Custode che non lo abbandona mai e che lo sorregge nei momenti di bisogno.

E voi, avete notato cambiamenti in questa età della vita dei vostri figli? E come li avete affrontati?












6 commenti:

  1. ci devo ancora arrivare ai nove anni ˆ_ˆ mi hai molto incuriosito su Steiner che conosco ma non ho mai approfondito, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul blog nella sezione pedagogia steineriana trovi diversi temi che ho trattato che puoi poi approfondire con libri specifici. Sarò molto contenta di scambiare impressioni e opinioni con te!

      Elimina
  2. Noi siamo ai 5 anni ma le paure sono di casa da un bel pezzo. Ho proprio bisogno di un buon libro, o anche più!
    Fatto molto bene il tuo post, lo terrò a mente per quando saremo anche noi alla soglia dei nove anni. Grazie

    RispondiElimina
  3. Sono anche io una di quelle mamme che quando trova difficolta' nella crescita dei propri bambini, va alla ricerca di risposte nei libri. Grazie alle letture e all'istinto materno sono riuscita a comprendere mio figlio in situazioni difficili, ma specialisti e dottori sono contro le letture! Perche' tendono a pensare che le mamme si affidino troppo alle parole che leggono, mentre non comprendono che e' un sostegno in piu'.
    All'eta' di 4 anni ho letto un libro a mio figlio, intitolato l'angelo custode, che gli e' servito prima di andare a letto per renderlo sicuro riguardo le entita' notturne.
    Grazie per aver condiviso la tua esperienza :)
    Roby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avere condiviso con noi il tuo pensiero.

      Elimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)