lunedì 23 gennaio 2012

Mangiare bene e risparmiare


Il periodo che stiamo attraversando non è semplice poiché molte famiglie si sono viste ridurre sensibilmente il proprio potere d’acquisto e accrescere l’insicurezza del futuro.

Ci sono anche famiglie che per scelta personale (ed io rientro tra queste), volontariamente ricercano una vita più semplice, senza sprechi , sia per motivi etici ma anche allo scopo di lavorare meno, per aver più tempo per sé e la propria famiglia.
Ho elaborato una breve lista che permette di mangiare in maniera più salutare, recuperando  il gusto del fare da sé, risparmiando.
Serve uno sforzo culturale e una cerca capacità di organizzarsi ma sono certa che ne vale la pena.

Ecco le mie regole per mangiare bene e risparmiare:

A) Acquistare frutta e verdura di stagione
B) Evitare prodotti già pronti (sono più cari e meno nutrienti); acquistare  invece materie prime e tornare a cucinare
C) Diminuire le proteine animali. (sono più care ed hanno maggiore impatto nocivo sull’ambiente)
D) Privilegiare il consumo di cereali e legumi. Sono più economici e ugualmente nutrienti.
E) Cucinare solo ciò che serve; il tipo di vita che conduciamo non richiede quantità eccessive di nutrimento
F) Riscopriamo la cucina degli avanzi, (frittate, sformati, timballi, zuppe) evitando di gettare il cibo in pattumiera
G) Acquistare solo ciò che serve, senza riempire la dispensa per poi gettare nei rifiuti.
H) Acquistare il più possibile prodotti locali (costano meno , inquinano meno )
I) Vagliare attentamente le offerte
L) A fine mese fare i conti  della spesa per avere un valore reale e non sopravvalutato dalla paura di spendere.
E voi, avete qualche suggerimento?



2 commenti:

  1. Consigli utilissimi, ne terrò conto! Grazie Ste! Dani

    RispondiElimina
  2. Sono felice che tu li trovi utili!
    Ste

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)