lunedì 20 febbraio 2012

Come usare il borotalco


L’invenzione della miscela (polvere di talco ventilato e di acido borico) risale al 1878, quando in una storica farmacia di Firenze, Sir Henry Roberts, ne mise a punto la formula.
Ecco qualche simpatica modalità di utilizzo, che ho trovato rovistando tra vecchi libri:



-fare uno shampoo improvvisato:
se un appuntamento improvviso ci coglie impreparate e non abbiamo il tempo di fare uno shampoo,provare a spolverare del borotalco sulle radici dei capelli, lasciare assorbire e infine spazzolare.
Il risultato sarà una chioma perfettamente in ordine!

-creare un correttore super coprente:
prendere il fondotinta che si usa abitualmente e aggiungere del borotalco. Mischiare con un pennellino da trucco: in tale modo il fondotinta acquisirà un colore più neutro.
Alla fine aggiungere un po’ di ombretto verde che servirà a neutralizzare il rossore dei brufoletti.
Applicare sulla parte interessata e spalmarlo: in pochi secondi ogni inestetismo sarà magicamente scomparso!

-camminare sui tacchi alti:
se con le décolleté con il tacco a spillo il piede scivola in avanti, si risolve il problema con un po’ di borotalco dentro la scarpa! La falcata sarà più sicura e sinuosa…

-combattere le formiche:
cospargere di borotalco le fessure degli infissi e delle porte finestre e le formiche resteranno lontane.
Il borotalco non permette alle formiche di trovare le ‘tracce’ delle compagne e quindi di seguire la strada che si erano ritagliate in casa nostra!





2 commenti:

  1. Grazie per essere passata nel mio blog, non ti conoscevo e devo farti i complimenti è veramente interessante.
    Non sapevo di poter usare il borotalco come shampoo improvvisato, Grazie per l'ottimo consiglio!

    RispondiElimina
  2. anche per le formiche??? forte forte
    grazie
    Manu

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)