martedì 31 luglio 2012

PUBERTA' E ADOLESCENZA: CONSIGLI PRATICI



E’ vero che parlo sempre di bambini piccoli, sicuramente perché in tale modo posso attingere anche al mio bagaglio di esperienze.
Così oggi ho preparato questo post sull’adolescenza attingendo dai testi su cui mi formata, non disponendo di esperienze dirette, se non quelle che mi sono state raccontate da amiche e conoscenti.

Con il termine adolescenza si considera il periodo di vita umana compreso tra gli 11-12 ed i 18 anni, mentre dal punto di vista psicosociale si fa riferimento al passaggio da parte dell’individuo, dalla condizione sociale del bambino a quella di adulto.

Per pubertà si intende invece la trasformazione fisiologica che subisce il bambino durante il suo percorso di crescita. Tali cambiamenti puberali, che modificano enormemente l’aspetto fisico del giovane, possono costituire una fonte di stress, poiché propongono una rielaborazione dell’immagine di sé, con ripercussioni psicologiche diverse ed anche piuttosto intense.

Nel corso dell’adolescenza si realizzano dei cambiamenti anche d’ordine cognitivo, che portano l’individuo a ragionare in termini meno vincolati al concreto, a formulare ipotesi, a riflettere piu’ profondamente su di sé e sul mondo circostante. 
Vi è inoltre un importante ampliamento ed estensione della vita relazionale, che puo’ essere riassunto come spostamento dalla centralità della famiglia, all’apertura verso un insieme di relazioni che vedono in primo piano coetanei ed amici.
Gli adolescenti si trovano quindi in una tipica situazione di conflitto: da un lato devono prendere le distanze dalla propria famiglia di origine, in modo da costruire la propria autonomia, dall’altro lato hanno bisogno di mantenere le relazioni affettive con i propri famigliari, che assicurano protezione e
contenimento.

“La conquista dell’indipendenza dal punto di vista psichico resta nascosta agli adulti, e poiché il giovane si sente ancora molto insicuro in se stesso, si maschera dietro atteggiamenti di rudezza, di grossolanità, di sfacciataggine e villania.
E’ bene non prendere troppo sul serio questo muro difensivo, aggirandolo per mezzo della leggerezza e dell’umorismo, per affrontare con delicatezza amorevole le difficoltà che vi si celano dietro. Il giovane deve sentire che si guarda con fiducia e speranza a quello che da lui verrà piu’ tardi. Bisogna
essere disposti ad avvicinarsi a lui, sia con cauti colloqui individuali, sia con osservazioni molto brevi, che fanno percepire che si è al corrente della condizione che egli sta attraversando. “
(tratto da:La punizione- Gabert E., Kniebe G.)

Preadolescenti e adolescenti hanno innanzitutto bisogno di libertà per sviluppare un sano senso di responsabilità, ma anche per poter raccogliere le sfide, per aprirsi al nuovo, all’inedito, al non famigliare, così da  sviluppare le proprie potenzialità e promuovere la formazione della loro identità.

Chiaramente per stabilire quanta libertà devono avere i ragazzi occorrono buon senso  e sperimentazione: concedere una libertà progressivamente piu’ ampia è un processo basato sulla comunicazione ed i limiti non sono sempre gli stessi ma vanno stabiliti nei singoli ambiti di vita.
Per ottenere questa libertà gli adolescenti devono pero’ sapersi guadagnare maggiore fiducia; se non rispettano i limiti imposti la libertà diminuisce automaticamente, non per punizione, ma come semplice adattamento temporaneo, come naturale conseguenza alla violazione della regola.
Gli adolescenti devono avere anche la libertà di pensare in modo diverso e di avere opinione controcorrente.
E’ infatti importante mantenere il dialogo con i figli piuttosto che allontanarli con troppe critiche e consigli, essi hanno bisogno che qualcuno li ascolti e prenda in esame le loro opinioni.

NB: gli adolescenti parlano solo se sanno che le loro opinioni saranno prese in considerazione!

In conclusione, tenete bene a mente che: gli adolescenti cercano il sostegno dei genitori se essi sanno dare loro ciò di cui hanno bisogno: comprensione, accettazione, ma anche consigli e direttive.

(tratto da: Minori, disagio e aiuto psicosociale- G.Speltini)



5 commenti:

  1. Hai fatto questo post per me, vero?! ;)
    Il mio appello ha colto nel segno!
    Ebbene, le cose che tu hai riportato, le condivido e le trovo ragionevoli, di buon senso.
    Il discorso della libertà è verissimo, a mio figlio quasi quindicenne, lo traduco con il motto di Spiderman "Chi ha grandi poteri, ha grandi responsabilità", di conseguenza se vuoi libertà devi dimostrare di meritare fiducia.
    Ma è qui nasce il problema: per lui la fiducia è gratis, non va "provata".
    Il dialogo poi è essenziale, vero, ma alle volte mi chiedo se abbiamo sbagliato a rispondere sempre alle sue domande e a cercare di chiarire la sua posizione, a dir sempre a verità, lui crede ora di essere in diritto di dire e fare ciò che vuole, senza il filtro del rispetto.
    Insomma, sui manuali si leggono cose sicuramente buone, come spunto di riflessione, ma vengono scritte da professionisti che hanno con gli adolescenti un rapporto distaccato (per inciso mio figlio con gli altri è adorabile, non esagero, un pedagogista lo adorerebbe!), non vivono, da padri o madri, le risposte piccate, le alzate di spalle, le panzane inimmaginabili, il lassismo esasperante!
    Insomma, guardare una partita di calcio e giocarci sono cose molto differenti, uffa!
    In ogni caso so che quest'adolescenza finirà, mi aggrappo alla speranza... ;D
    E grazie per il tuo post. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo:
      HAI VINTO!
      Fai un giretto da me! :D

      Elimina
    2. grazie mille per il premio ora passo!
      per tuo figlio...dico solo che è libero di pensare che la fiducia sia gratis...ma in casa le regole le fissate voi..fino a quando almeno, la legge non lo riterrà 'adulto patentato'..
      e certo puo' fare cio' che vuole, entro i limiti delle vostre regole...Anche nel mondo di noi adulti funziona cosi' d'altronde...
      L'importante è, come genitori, cercare di restare sereni, convinti che quello che si sta facendo è il meglio per i nostri figli...so che a volte è difficile...ma d'altronde sui manuali non c'e' scritto che applicare i principi che propongono è cosa facile...a presto un bacio

      Elimina
  2. Ciao eh sì questo mondo di questi adolescenti è sempre più difficile, io ci penso già, ho due gemelline di tre anni e mezzo e penso ad un giorno che società che incontreranno, perchè il futuro per certi versi non è molto roseo, speriamo bene. Cpme genitori cerchiamo sempre di fare per il meglio, speriamo di riuscirci, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! io sono convinta che ogni epoca ha le sue difficoltà...occorre armarsi di coraggio, tenacia e guardare al futuro con speranza, per trasmettere tutte queste qualità anche ai nostri figli!
      e come dici tu...'fare del nostro meglio'.
      a prestoooo!

      Elimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)