mercoledì 8 maggio 2013

PADELLE ANTIADERENTI : INFORMAZIONI UTILI

                                                                           foto dal web



Recentemente ho letto un interessante articolo ,sulla rivista di ‘Altroconsumo’,
sulle padelle antiaderenti.
Per questo motivo voglio condividere le informazioni, davvero molto utili.


E’ fuori discussione che i tegami con il fondo antiaderente, in ceramica o in teflon,
hanno alcuni indiscutibili vantaggi.
Permettono di cuocere utilizzando meno grassi e sono perfette per cucinare tutti
quei cibi come frittate, pancake che tendono ad attaccarsi al fondo.
Inoltre sono veloci da pulire…ed anche questo è un aspetto davvero molto positivo.

Ho sempre diffidato delle padelle in teflon, e le ho sempre utilizzate quando non potevo
farne a meno.
Appena si rovinavano le scartavo, perché sapevo che potevano rilasciare sostanze
tossiche.

Beh leggendo l’articolo ..mi si sono chiarite le idee….

Il teflon è pericoloso?

In realtà si tende a fare confusione tra il teflon (PTFE ) ed il PFOA, sostanza che sarà
fuorilegge dal 2015 perché ritenuta pericolosa.
Sotto accusa c’e’ solo il PFOA che è utilizzato durante una fase della produzione del
rivestimento antiaderente delle padelle, che è fatto di una sostanza diversa, il teflon,
per l’appunto.

La Commissione europea e l’Agenzia americana per la protezione dell’ambiente nel
2006 hanno dichiarato il PFOA tossico:a dosi eccessive o per accumulo provocherebbe
problemi alla salute.

L’Epa  (Agenzia americana per la protezione dell’ambiente) ha deciso che dal 2015 il
PFOA non dovrà più essere utilizzato nei processi di produzione, ma solo perché è
un inquinante.

Già dal 2011 i test di Altroconsumo non hanno rilevato residui di PFOA nei cibi.

LE PADELLE IN TEFLON

Le padelle antiaderenti in teflon quando sono nuove offrono buone prestazioni,
sostiene Altroconsumo.
I problemi sorgono dopo averle utilizzate un po’: i cibi tendono ad attaccarsi più
facilmente , segno che il supporto antiaderente perde di efficacia.
 Altroconsumo consiglia di sostituirle quando il rivestimento  è rovinato, ma si tratta
solo di una precauzione di tipo culinario, l’unico danno è la minor capacità
antiaderente, mentre sono esclusi i rischi per la salute.

E LE PADELLE IN CERAMICA?
Con le padelle in ceramica che Altroconsumo ha esaminato durante i suoi test, il
problema non si pone da nessun punto di vista.
Innanzitutto il materiale utilizzato per il rivestimento è sicuro.
Inoltre è resistente, sopporta molto bene i graffi e garantisce un buon effetto antiaderente.
Dai risultati del test Altroconsumo, emerge che la padella in ceramica è un acquisto
che dura a lungo.

CERAMICA/ TEFLON: CONFRONTO

PADELLE IN CERAMICA

Vantaggi:
La superficie resiste bene a temperature anche molto elevate
La temperatura è più uniforme
Molto resistente ai graffi

Svantaggi:
I modelli offerti sul mercato hanno caratteristiche molto diverse tra loro
Il rivestimento puo’ creparsi o macchiarsi
Sono in media più care

PADELLE IN TEFLON

Vantaggi:
Il teflon è un materiale collaudato, flessibile e non a rischio di creparsi
Piuttosto economiche, anche se il prezzo varia con la marca

Svantaggi:
Teme le alte temperature (mai oltre i 260 °)
E’ facilmente soggetto a graffi
Anche se graffiata non rilascia sostanze dannose per la salute ma perde di efficacia

RISULTATI DEL TEST ALTROCONSUMO SULLE PADELLE IN CERAMICA

Vi riporto anche il risultati di questo test perché mi sembrano utili in caso vogliate
procedere ad un acquisto.
Altroconsumo ha testato 9 marche diverse:

Il migliore del test: BIALETTI AETERNUM

Il migliore acquisto (buona qualità e miglior rapporto con il prezzo): TVS, LAGOSTINA

Scelta conveniente (accettabile qualità, ottimo prezzo): RONDINE












9 commenti:

  1. mio marito ha un'attività commerciale in cui vende anche padelle! per cui sono ferratissima! E lui ogni volta deve spiegare perchè e per come non fanno male!
    Solo una precisazione: all'inizio del post consideri le padelle in ceramica anti aderenti. Non lo sono! A volte si fa confusioni con le padelli antiaderenti bianche che non sono in ceramica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero? perchè nell'articolo quelli di Altroconsumo le considerano antiaderenti..forse fanno riferimento al fatto che anche nelle padelle in ceramica non si attacca il cibo...

      Elimina
  2. utilissimo post, grazie!per San Valentino io e MonAmour ci siamo regalati proprio tre padelle in ceramica della Bialetti Aeternum e di certo non pensavo fossero le migliori sul mercato..mi fa piacere averlo scoperto e grazie anche per le dettagliate informazioni :-)

    RispondiElimina
  3. grazie a te! e complimenti per l'acquisto!

    RispondiElimina
  4. Info utilissima! Anche io ho appena acquistato le Bialetti Aeternum e sono felice di aver fatto inconsapevolmente la scelta giusta, ma ancora meglio sono stra-contenta di non dover buttare la mia pentola antiaderente nera che inizia ad avere qualche riga visto che è ottima per non far appiccicare il sugo con la pasta sul fondo :)

    RispondiElimina
  5. Riecco mi,giusto per fare una puntualizzazione e dare le info aggiornate: come ti dicevo,ho acquistato le Aeternum della Bialetti e a distanza di soli 8 mesi le lancerei fuori dalla finestra se non fosse anti-ecologico!in così pochi mesi si son rovinate a tal punto da perdere la caratteristica di anti-aderenza e, cosa ben più antipatica, risultano praticamente impossibili da pulire,si son create sul fondo delle macchie marroni che non vengon via in alcun modo (aceto, bicarbonato, paglietta scrostante...). Quello che secondo me poi risulta poco corretto e' l'atteggiamento aziendale: ho portato le pentole nel negozio dove le avevo acquistate (unico store in zona) e, pur essendo di marchio Bialetti e quindi in teoria in garanzia, le cambiano (forse, secondo loro discrezione!!?,) solo con scontrino he attesti l'acquisto n QUEL negozio....io lo scontrino l'ho buttato (pessimo comportamento da illusa romantica) e quindi non ho scelta! Ma posso scrivere alla Bialetti quello che penso e lamentare di un CRM che non soddisfa le esigenze del cliente....e appena avrò modo lo faro', ma per ora penso sia utile far sapere che tanta qualità non esiste proprio, in realtà !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avere condiviso la tua esperienza. Anche io mi rivolgerei direttamente all'azienda...magari si tratta di una partita 'fallata'...io ho un'amica che si trova benissimo ad esempio e le raccomanda a tutti...
      In bocca al lupo"!!!!! e grazie ancora

      Elimina
  6. Io ti sconsiglio anche le padelle in ceramica perche' porose. Essendo porose parti degli alimenti entrano nei pori, non vengono eliminati con il lavaggio e per questo motivo nella futura cottura si bruceranno...appena si staccheranno mangerai il bruciato che come si sa e' cancerogeno.
    Io penso che le migliori pentole sono sempre e comunque quelle in acciaio inox, per utilizzare meno olio, basta riscaldarle bene. :)

    RispondiElimina
  7. ah ecco non sapevo questa storia della porosità....interessante. In effetti anche io in casa utilizzo padelle in acciaio inox ne ho solo una antiaderente che utilizzo pochissimo. Grazie per essere passata!
    Ste

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)