mercoledì 25 marzo 2015

UN DOLCE LEGGERO E RAFFINATO: COCOTTE DI MELE MERINGATE




Ieri ho sperimentato la ricetta di questo dolce che mi ha colpita per la sua semplicità e leggerezza.
Facile da realizzare, ideale come fine pasto ed  ottimo come spuntino.

Una soluzione un po' diversa e di sicuro effetto, senza grassi e poco calorica, perfetta anche per chi è a dieta.

Potete presentarlo in una coppetta di vetro, che ne metterà in mostra il doppio strato, oppure nelle comode coppette di alluminio. Dipende anche dal momento in cui decidete di servirlo.

La coppetta in vetro è adatta per un fine cena più "in", quella in alluminio per un incontro informale o per una merenda. 

A voi la scelta.




Ingredienti x 4 porzioni

2 mele
il succo di 1 piccolo limone
50 g circa di zucchero a velo
cannella in polvere
50 g di albume d'uovo

Cuocete a fuoco basso le mele con un poco di cannella, 1 cucchiaio di zucchero, il succo del limone ed un poco di acqua.

Mentre fate raffreddare le mele, accendete il forno a 200°, ventilato.

Montate a neve ben ferma gli albumi con lo zucchero rimasto (aggiungetene un poco per volta e assaggiate, evitate di farlo troppo dolce..).

Mettete le mele nelle coppette in alluminio, e con la sacca da pasticcere decoratele con l'albume d'uovo montato.

Infornate le coppette per qualche minuto, sino a quando la meringa risulta leggermente biscottata.

Servite subito, direttamente nella coppetta in alluminio, oppure trasferite il tutto in una coppetta o bicchierino di vetro. 


3 commenti:

  1. *-* che meraviglia! Sono super invitanti...=)

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefania, che meraviglia questo dolcetto, leggero e superinvitante :) Un abbraccio alla prossima

    RispondiElimina
  3. Ecco vedi...cercavo giusto una nuova idea x le nostre merende!!da provare subito,grazie!!

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)