martedì 14 luglio 2015

COPPETTE MESTRUALI : UNA VERA RIVOLUZIONE



Utilizzo la coppa mestruale oramai da 6 anni anni con enorme soddisfazione, ed ho notato con piacere che ora gode di una crescente e sempre più capillare distribuzione anche nel nostro Paese.
Ritengo la coppa insostituibile in particolare durante la stagione calda, in cui gli assorbenti usa e getta diventano veramenti fastidiosi.
E' perfetta per il mare, la piscina, ed è possibile indossarla con qualsiasi capo d'abbigliamento, in tutta sicurezza.

Ma perchè scegliere la coppetta?

-Rispetto agli assorbenti la coppetta raccoglie e non assorbe.

-Non contiene pesticidi o altre sostanze tossiche, è anzi realizzata con silicone medico, che può restare  all'interno del nostro organismo anche 30 giorni senza causare nessun problema.

-La coppetta non è mai stata associata a controindicazioni, come irritazioni, infiammazioni, infezioni  come la sindrome da shock tossico, come è accaduto invece con i tamponi interni.

-E' comoda, indolore, riutilizzabile anche per dieci anni e costa quello che spenderebbe una donna in media in tamponi o assorbenti in un semestre.

- Aiuta la donna a sentire i muscoli vaginali ed il pavimento pelvico, quindi diviene un'occasione per percepire ciò che sta accadendo al nostro corpo e diventare maggiormente consapevoli di noi stesse.

Coppa mestruale: una scelta ecologica

Nel libro MESTRUAZIONI l'autrice, psicoterapeuta australiana, racconta che un albero adulto fornisce materiali per solo 500 assorbenti.
L'industria degli assorbenti dichiara infatti che non è possibile utilizzare materiali riciclati perché privi di fibre lunghe, quelle dotate di capacità assorbente.

Per coprire l'intero periodo fertile bastano  3 o 4 coppette, che vanno a sostituire i circa 10.000 assorbenti e tamponi donna necessari ed una spesa di 2500- 3500 euro.

In Italia ci sono  circa 16.012.000 donne in età fertile, che secondo le stime consumano in media ogni anno 6.000.500.000 assorbenti o tamponi e producono circa 120.100.000 kg all'anno di rifiuti.
Gli assorbenti ed i tamponi usa e getta sono tra i rifiuti più difficili da smaltire perché quasi indistruttibili, cui si aggiungono le bustine in plastica che li contengono, gli applicatori, le strisce, la copertura adesiva etc....

Dove è possibile acquistare la coppa mestruale?

Oggi ne esistono di diverse marche, forme, colori, capienza così che ciascuno può scegliere quella più adatta alle proprie esigenze.
Negli ultimi tre anni sono nate diverse case di produzione italiana, come la Mamicup, la Ecocup e la Natu.

La Mooncup, la prima coppetta in silicone medico ad essere stata immessa sul mercato (io utilizzo ancora oggi questa), è tutt'ora la più diffusa e da giugno 2014 è possibile trovarla anche all'interno dei supermercati Carrefur.
Intanto altre coppette, di altre case, iniziano ad arrivare tra gli scaffali di alcuni punti vendita Unicop e Ipercoop.

Più facile è trovarla sui siti internet specializzati o nei negozi biologici.

Come si usa?

Per capire come si inserisce e come si mantiene nel tempo una coppetta mestruale, oltre alle istruzioni contenute nella scatola,  si possono consultare molti utilissimi forum, siti web o gruppi facebook.
Uno dei migliori forum è LA COPPETTA MESTRUALE FORUM , ed un valido gruppo facebook è DONNE CON LA COPPETTA.
Potrete trovare tutorial testuali e video, scambiare pareri, opinioni, racconti di esperienze, insomma ogni informazione necessaria per renderne semplice e pratico l'utilizzo.

La coppetta va infatti piegata in un modo particolare per favorire l'ingresso in vagina,ed ha una capienza che varia a seconda dell'intensità del flusso da 4 a 8 ore.
Durante il periodo mestruale basta sciacquarla con un po' di acqua fredda o tiepida, mentre va sterilizzata mediante bollitura (5-7 minuti) tra un ciclo e l'altro.

Alternative ecologiche alla coppetta

La coppetta non è l'unica alternativa all'usa e getta.
Ci sono infatti gli ASSORBENTI LAVABILI FAI DA TE, che potete impiegare in sostituzione o, come faccio io, come integrazione alla coppa mestruale.
Io li riservo agli ultimi giorni del ciclo e mi ci sono davvero affezionata. 
Esistono diverse case di produzione, e li potete trovare sugli shop on line o nei negozi di prodotti naturali più forniti.
Potete anche fare come me, che ho realizzato personalmente i miei ASSORBENTI LAVABILI FAI DA TE .


E voi? utilizzate la coppetta?



*Articolo tratto dalla rivista Terranuova.




10 commenti:

  1. Credo sia necessario sensibilizzare ed informare le donne sempre, in continuazione per diffondere queste buone pratiche che non solo sono ecologiche ma ci permettono di prendere contatto anche con la nostra femminilità .

    RispondiElimina
  2. Arrivi sempre nel momento giusto, in questi giorni sto valutando seriamente l'idea di comprarla e opterei per un prodotto italiano tipo la Natù. Grazie per l'articolo!

    RispondiElimina
  3. Benissimo sono felice, non resterai delusa!

    RispondiElimina
  4. Non la uso, ma è da tanto che vorrei iniziare. Grazie per questo post!!!

    RispondiElimina
  5. La uso da 6 anni come te e confermo ciò che dici.
    All'inizio è stato strano usarla, pensavo sempre a "lì", mi sembrava impossibile che ci stesse! ;)
    Ma ora non potrei farne a meno, igienica, comoda in tutte le situazioni, economica, la consiglio vivamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata a dare la tua testimonianza credo sia molto importante per sensibilizzare tutte le donne!

      Elimina
  6. Ho solo 20anni, poco meno di due anni fa leggendo i dati sui rifiuti come assorbenti e pannolini sono rimasta davvero scioccata ed è stata l'ultima goccia che mi ha fatta decidere. Da allora uso la coppetta e la amo, la adoro così tanto che ne ho parlato ad altre mie amiche che hanno deciso di usarla. Decidere di usarla è stata un'ottima idea. Se solo penso a quanto avrei inquinato nell'arco della mia vita solo con degli assorbenti mi viene male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti faccio davvero i miei più sinceri complimenti! a 20 anni e già una sensibilità così spiccata, sei da ammirare.
      Grazie per avere condiviso la tua esperienza!

      Elimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)