sabato 9 aprile 2016

Non sono più una brava bambina


La brava bambina è colei che sin dalla più tenera età aspira alla perfezione. Figlia modello, tranquilla obbediente, eccelle a scuola e nello sport.
Un fiore all'occhiello per i genitori.

La bambina si specializza nel capire ciò che gli altri si aspettano da lei ed immancabilmente si adegua allo stereotipo.
Cosa ne ottiene in cambio?
Approvazione ed Amore....o almeno questo è quello che crede.

La bambina cresce, entra nel mondo del lavoro, dove diviene un'impiegata modello, nel tempo libero è l'atleta ideale, in amore la fidanzata, poi la moglie e infine la mamma quasi perfetta.

"La brava ragazza ha successo in società e negli studi, è in gamba e sveglia, graziosa e gentile. Ma vuole anche piacere (accomodante con tutti), dunque riga dritto (non esprime opinioni personali) e non corre rischi (segue le regole). Reprime i suoi veri sentimenti (non si arrabbia) e non è capace di scherzare sui propri sbagli (fa tutto bene)."
La maledizione della  brava ragazza, R. Simmons

Ma.....
Ad un certo punto questo mondo "ideale",  inizia a sgretolarsi...fino a crollare.
Questo è quello che è accaduto a me.

"Qual è il prezzo di questo successo? Molte delle ragazze più affermate hanno messo da parte gli aspetti più autentici della loro personalità, rinunciando a conoscere sé stesse per soddisfare la pressione a cui sono soggette e conformarsi all’idea di sé che pensano di dover raggiungere."
La maledizione della  brava ragazza, R. Simmons

Capii che essere brava era un'esperienza di autolimitazione; soddisfare gli altri e le loro aspettative equivaleva a vivere di luce riflessa, una vita che non mi apparteneva.

"Si analizza con un "microscopio emozionale" l'idea di essere "belle e brave bambine". Buone e attente mogli o premurose e amorevoli madri, barattando la nostra libertà i nostri sogni e le nostre mete, scoprendo trattarsi di catene nascoste sotto forma di fantomatiche sicurezze."

So che il viaggio alla scoperta di me stessa sarà lungo e tortuoso, talvolta accidentato. Un percorso che ha come obiettivo quello di riscoprire e riconoscere chi sono, per una vita più vera ed autentica, con me stessa e con gli altri.

"Definisco il mio essere ogni qualvolta scelgo e decido cosa "essere" in ogni secondo della mia vita, perché ho dentro di me il mondo delle opportunità. Io sono nel momento in cui agisco, ciò che sono stata e ciò che sarò. In questo modo il passato è il risultato delle azioni che ho compiuto e mi hanno resa quella che sono ora. 
Il presente è il mio agire e il futuro è la conseguenza delle mie decisioni."


Leggi anche:

























4 commenti:

  1. Brava, grande decisione!
    Buon viaggio :-) Sarà forse lungo e tortuoso ma ritrovare se stessi è la più grande ricompensa!
    "Un viaggio lungo mille miglia inizia con un piccolo passo" Lao Tse

    RispondiElimina
  2. E sono certa che lungo il percorso incontrerò tante Donne che, riconosciuta la brava bambina in loro, si sono incamminate lungo il sentiero della riscoperta di sé.. anche questa sarà una grande ricompensa...A dire la verità un paio le ho già incontrate...

    RispondiElimina
  3. Mi rispecchio in quello che scrivi... Ho sempre fatto la brava fino a 4 anni fa, circa.. Ho preso in mano la mia vita e ho deciso di lasciare l'università, di cambiare lavoro, di inseguire i miei sogni.. di vivere!! Spesso capita di ricaderci, ma me ne accorgo in fretta e faccio un passo indietro!!
    Buon viaggio!!

    un bacione
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  4. Grazie Sara per la tua testimonianza! Hai proprio ragione , scegliamo di vivere!

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)