martedì 15 maggio 2012

Un po' di tempo in cucina




Mi piace preparare piatti fatti in casa per la mia famiglia.
Questo richiede tempo e scoraggia molte donne.
Io sono convinta invece che con un pizzico di organizzazione
si può fare.
Io di solito dedico qualche ora almeno un paio di pomeriggi
a settimana, per preparare scorte, e rifornire la credenza.
Dunque ieri erano finiti pane e dolci e mi era presa voglia di
fare degli gnocchi, da conservare in freezer per situazioni di
‘emergenza’.

I biscotti sono dei frollini preparati utilizzando questa ricetta:

500g di farina
50g di fecola
150g di zucchero
150g di burro
1 uovo
200 ml di panna
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina

Ho lavorato assieme gli ingredienti, ho steso una sfoglia
alta mezzo centimetro circa, e con un bicchiere infarinato
ho ritagliato i biscotti.
Ho cotto a 180° fino a doratura.
Ho preparato il pane, che avevo impastato e posto a
lievitare in mattinata, prima di uscire per andare al lavoro.
Ecco la ricetta, anche se io ho scelto di preparare un pezzo
unico invece dei soliti panini vedi qui



Infine gli gnocchi:




ho cotto 5 patate medie in acqua salata. Ho scolato e le
ho passate al passaverdure. Ho aggiunto della farina in
modo da ottenere un impasto molle non troppo appiccicoso.
Infine ho preparato dei lunghi ‘salsicciotti’ che ho poi tagliato.
Una bella scorta da tenere in freezer!

In questo modo ho la colazione pronta, del pane appetitoso
e morbido per le merende, e un valido primo da preparare
in casi di emergenza e da condire con sughi veloci improvvisati,
ma anche semplicemente con burro e salvia!




1 commento:

  1. e c'è chi dice che il lavoro delle casalinghe è noioso! guarda che belle cosine...e che soddisfazione se ne ricava!
    vado a mettermi ai fornelli anche io mi hai fatto venire voglia!
    Lu

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)