sabato 26 ottobre 2013

TONICO FAI DA TE: ACETO DI MELE ALLA LAVANDA



L'uso dell'aceto in medicina risale a migliaia di anni fa. Il medico greco Ippocrate, padre della medicina moderna, lo usava per curare i suoi pazienti già nel 400 avanti Cristo.
L'aceto di mele non solo possiede proprietà antisettiche e antibiotiche naturali, ma anche importanti minerali, vitamine e acidi essenziali.

E' ottimo quindi anche per nutrire l'epidermide e per pulirla a fondo.
Particolarmente indicato per le pelli impure e con acne.

Io lo applico sul viso con  un batuffolo di cotone, dopo la detersione serale.

Ho scelto di aromatizzarlo con della lavanda, per potenziarne le proprietà antibatteriche e per il suo gradevole profumo.

Come si prepara:


Fate macerare per 10 giorni, in 125 ml di aceto di mele, 30g di fiori secchi di lavanda. In alternativa utilizzate 10 gocce di olio essenziale di lavanda.

Filtrate, aggiungete a 300 ml di acqua distillata un cucchiaio di aceto aromatizzato e conservate in un contenitore chiuso.


Sapete già che io preparo da me il mio aceto di mele...nulla di più semplice..date un'occhiata QUI.


16 commenti:

  1. Non avevo ancora scoperto la tua ricetta per l'aceto di mele...farò incetta!!! Grazie per le informazioni sugli usi e le proprietà!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Ste!
    L'aceto di mele alla lavanda è davvero buono! Io lo uso, da un po', come penultimo risciacquo dopo shampoo (ovviamente shampoo in panetto autoprodotto!! ;-) )...provalo! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeee per la dritta! proverò sicuramente...adoro sperimentare cose sempre nuove!
      Per lo shampoo in panetto io purtroppo ho avuto risultati deludenti..ne ho provati diversi con ricette varie, ma purtroppo i miei capelli e quelli dei miei familiari hanno reagito male...per cui ho rinunciato....capelli stopposi e opachi...

      Elimina
  3. Domanda: per quanto tempo lo hai usato senza tornare agli shampoo commerciali? Avevo letto, e poi ne ho avuto conferma, che per 1 o 2 mesi c'è una reazione "avversa" agli shampoo naturali: da secchi me li sono trovati grassi, poi stopposi, poi nuovamente orrendamente pesanti...devono infatti liberarsi di tutti i prodotti chimici accumulati negli anni!... Per fortuna avevo letto di molte testimonianze al riguardo, perciò sono riuscita a resistere...Mio marito, avendoli corti, si è abituato prima, ed ha risolto i suoi problemi di forfora!!!
    In ogni caso l'aceto di mele lo puoi ugualmente usare al posto del balsamo, nel penultimo risciacquo, e lo lasci agire 1 o 2 minuti...prova! Vedrai che lucidi! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IN effetti non credo di avere resistito due mesi..forse uno...ma avevo delle scaglie di forfora giganti...mi vergognavo ad andare in giro..e poi sì tanto stopposi e la sensazione di 'sporco'. Mio marito ha ceduto prima di me....lui niente forfora solo che erano stopposi...però mi hai incuriosito...prima o poi riproverò...intanto sperimento l'aceto di lavanda come balsamo! grazieeee mille

      Elimina
  4. Bravissima! Mi piace questo detergente naturale! Io utilizzo l'acqua del riso cotto o di altri cereali, come ho scritto in questo articolo http://lacasaecologicaroby.blogspot.ch/2013/06/cura-della-pellecon-detergenti-naturali.html
    Come dice Francesca è ottimo anche come balsamo, a me li rende lucidissimi :-)
    E' ottimo anche come ammorbidente come l'aceto di vino e pulisce, riducendo il calcare, le nostre lavatrici!

    RispondiElimina
  5. Ti ho citata con questo tuo articolo sulla mia pagina di facebook. Spero non ti dispiaccia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata carinissima!!!
      grazie mille!

      Ste

      Elimina
  6. ciao molto bello il tuo sito ho trovato tante cose interessanti da poco mi sto dedicsndo al sapone fatto in casa ho aaplicato il metodo a caldo mescolando 920 g di olio di oliva e 100g di olio cocco 137 g soda caustica ho raggiunto la fase di nastro poi ho cotto a bagnomaria per 2 ore a70 gradi ho messo nei stampi dopo 2 giorni ho tirato fuori il sapone ma e molliccio e abbastanza appiccicoso in che cosa ho sbagliato? mi sai dare una spiegazione? ciao grazie

    RispondiElimina
  7. mi spiace ma non ho mai usato il metodo a caldo per produrre sapone...non saprei come aiutarti... mi spiace

    Ste

    RispondiElimina
  8. Ottima ricetta :)
    Ma l'olio essenziale di lavanda si "scioglierebbe" nel resto del tonico?non resta in superficie?

    RispondiElimina
  9. No,non resta in superficie. Profuma delicatamente l'aceto.
    Questo è il mio tonico preferito, non resto mai senza!
    Ste

    RispondiElimina
  10. Ok grazie mille:)
    Ma secondo te,posso sostiture l'olio essenziale di lavanda con qualche altro olio a mio piacimento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mhhh...diciamo che ogni olio ha le sue caratteristiche particolari... la lavanda è lenitiva, purificante adatta alle pelli delicate e arrossate...ma possono andare bene anche il limone, la salvia, la rosa...
      Ste

      Elimina
  11. Ciao, io faccio il tonico all'aceto di mele biologico, utilizzando la proporzione 1:3. cioè per una parte di aceto di mele e tre di acqua demineralizzata. Di solito, faccio 100 ml di tonico e lo tengo in frigo, (75 ml di acqua demineralizzata + 25 ml di aceto di mele), volendo aggiungere l'olio essenziale di lavanda, quante gocce posso metterne in questa composizione?

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)