venerdì 8 novembre 2013

CAMBIO VITA: LE STORIE






Vi presento oggi la mia nuova rubrica: STORIE DI CAMBIAMENTO.

Ospiterò le storie di coloro che hanno dato una svolta alla loro vita.
Dalle motivazioni che hanno spinto alla scelta, alle difficoltà che hanno
incontrato, ma anche ai risvolti positivi, le sorprese che questi cambiamenti
hanno riservato loro.

Il motivo che mi ha spinto a creare questo spazio è la condivisione.
Io credo molto nello scambio delle esperienze, nelle relazioni, nell'aiuto reciproco.
Spero che queste testimonianze siano di incoraggiamento per tutti coloro che vogliono
cambiare ma hanno paura, che temono le difficoltà, o che le stanno vivendo, ma anche a
chi cerca consigli, spunti e idee per piccoli 'cambiamenti' da apportare alla vita
di ogni giorno.

Invito quindi chiunque di voi abbia voglia di condividere con noi la sua storia,
ad inviarmi una mail a:


maghelladicasa@hotmail.it


Ora lascio la parola a Morena:



Mi chiamo Morena ed ho 50 anni…
La mia famiglia è composta oltre che da me, da due figlie di oltre 20 anni
e da mio marito.
Una famiglia comune, come tante altre.

Dopo aver lavorato per un decennio in un ufficio nella caotica Milano,
l’arrivo della nostra seconda figlia ha determinato il mio definitivo allontanamento
dal mondo del lavoro, in quanto ero senza l’aiuto dei nonni, in un paese lontano
dalle comodità, quali asili nido e trasporti.

 A quel tempo è sembrata una buona scelta, nonostante lo stipendio
da operaio di mio marito, e la casa che con tanta fatica stavamo
costruendo,  anche in virtù del fatto che ero una persona brava nell’ arte di 
arrangiarsi (cucito, cucina, ecc)
Di certo  ci ha aiutato molto il fatto (oggi sarebbe impossibile) che non c’era ancora
l’euro.

E se è vero che “Dio li fa e poi li accoppia”, io e mio marito ci siamo davvero
trovati.
Io la mente e lui il braccio (veramente due braccia forti, tanta costanza e tanta voglia
di realizzare un grande sogno), ci hanno portato a realizzare la nostra casetta,
piena anche di tante cose fatte insieme e dove sono stati riposti tutte le nostre
rinunce e i nostri sacrifici.

Il successivo “tempo del riposo” ci ha dato modo di approfondire la questione della
 “mucca pazza” che verso il 2000 “impazzava” in Italia: noi semplici persone 
senza tanta cultura abbiamo iniziato a cercare di capire il perché del fenomeno,
abbiamo cominciato ad avvicinarci ai cibi biologici e a crearci una competenza sul mondo dell’alimentazione.           

C’è voluto tempo, voglia, volontà di informazione approfondita  e sperimentazione
culinaria.
Abbiamo avuto la fortuna di avere a disposizione un piccolo giardino dietro casa
che abbiamo adibito ad orto e le conoscenze contadine pregresse di mio marito, lo hanno portato ad iniziare una produzione casalinga biologica di frutta e verdura, che
attualmente copre il 60/70% del nostro fabbisogno.

 La sensibilità verso gli altri delle nostre figlie e il grande amore verso gli animali, i problemi dell’inquinamento dell'ambiente e della Terra, dell’aumento dei tumori nell’uomo, sono stati  il passo quasi inevitabile  e naturale che ci ha portato a diventare VEGETARIANI.

Inizialmente eravamo considerati "strani" da parenti e amici a volte anche derisi
perchè non capivano questo nostro cambiamento, ma col passare degli anni siamo
stati apprezzati da molti..chi viene ospite a casa nostra mangia solo veg e quando siamo ospiti siamo rispettati e non più derisi..
Ne abbiamo fatto ormai una filosofia di vita.
Ci vuole poco per star bene nel rispetto della natura, della Terra, ma soprattutto
degli altri.
Madre Teresa di Calcutta diceva “quello che facciamo è solo una goccia
nell’oceano,  ma se non lo facessimo mancherebbe una goccia all’oceano”.

Oltretutto, i benefici sono anche per la nostra salute: è oltre un decennio che in famiglia
non ci ammaliamo con l’influenza, raffreddori, allergie..sarà perché mangiamo meglio?
Noi crediamo di si.!
Certo questo comporta tanto impegno (economicamente non costa di più
che essere onnivori), ma la soddisfazione di fare il pane in casa con il grano
appena macinato nella nostra piccola mola casalinga, di una bella torta con la
frutta del giardino, di insalate o zuppe che ci riportano ai tempi antichi..è
impagabile.

Questa mentalità mi ha portato a sperimentare anche l’uso di lane biologiche
per i maglioni che faccio per i miei cari, a voler creare qualche sapone naturale
a far le marmellate “strane”  (mele e lavanda? ottima!), a non tingermi più i capelli, e tanto altro..

Anche se abbiamo sulle spalle 28 anni di matrimonio  con alti e bassi, tanti problemi
anche irrisolti come tutti, devo dire che comunque abbiamo avuto in questo tempo la grande possibilità di fare cambiamenti positivi, esperienze, conoscenze, che ci hanno maturato e reso  persone migliori.
Più consapevoli del nostro essere e di ciò che ci circonda, più sensibili e docili
verso gli altri, disponibili e attenti, e ciò vale anche per le nostre figlie.

Attualmente faccio la mamma ma lavoro saltuariamente facendo ciò che capita per
contribuire al sostentamento famigliare; cerco di mantenere i miei hobby (maglia, uncinetto, ecc), partecipo ad un Gruppo Missioni Giovani del mio paese, nel quale ci troviamo e lavoriamo insieme creando manufatti da vendere il cui ricavato è destinato ai nostri missionari sparsi nel mondo..

Cambiare è sempre difficile, soprattutto perchè ci fa paura ciò che non si conosce.
A volte costa sacrificio, ma in questo caso si possono avere solo benefici.
Predisponiamoci a dare valore alle cose importanti della vita, miglioreremo 
la nostra parte fisica ma anche quella spirituale..!

buona vita a tutti!!!!
                                                     
             Morena



 Grazie di cuore  Morena!

8 commenti:

  1. Ciao Morena tutta la mia stima per quello che sei riuscita a realizzare...e grazie a Stefy per averti fatta conoscere.....un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Una testimonianza che fa riflettere. Che pone dei punti interrogativi sulle nostre priorità. Molto bella, grazie per averla condivisa!

    RispondiElimina
  3. Grazie per la condivisione ...oggi mi sei di ispirazione in questo periodo di mutamenti

    RispondiElimina
  4. La tua rubrica è un'ottima iniziativa e la storia di Morena ottima per iniziare, come al solito non posso che scriverti complimenti!

    RispondiElimina
  5. grazie a tutte per avere lasciato il vostro commento, sono molto contenta che vi piaccia l'iniziativa e ancora mille volte grazie a MOrena!
    Ste

    RispondiElimina
  6. Una bella testimonianza, complimenti! Dani

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)