venerdì 24 marzo 2017

Bucato in lavatrice: 5 false credenze da sfatare


Per ottenere un buon bucato senza spreco di energia, di acqua e di detersivi è importante seguire alcune semplici regole.

Siamo bersagliati ogni giorno da una marea di informazioni, tanto che diventa facile perdersi e molto complicato distinguere una falsa credenza o peggio una bufala, da un buon consiglio.
Oggi voglio sfatare qualche mito riguardo al bucato in lavatrice.


5 errori da evitare per un corretto uso della lavatrice


1) Più detersivo metto più il bucato viene pulito.

Assolutamente falso. Spesso una dose di detersivo minore rispetto a quella indicata sulla confezione da ottimi risultati. 
Ciò che conta davvero è pretrattare i capi. Un'energica passata con del sapone di Marsiglia sulle macchie più ostili prima di infilare il capo in lavatrice, vi darà risultati che neppure immaginate.



2) Per mantenere la lavatrice in buono stato è necessario utilizzare un prodotto anticalcare.

Assolutamente no. Altroconsumo afferma che non ci sono prove che sia il calcare a ridurre la vita della lavatrice. L'aggiunta di un anticalcare è consigliabile solo se l'acqua è molto dura (più di 30 gradi F; puoi verificare la durezza dell'acqua nel tuo comune QUI ), se si lava spesso a temperature molto elevate (superiori ai 60°) e se si usano spesso detersivi in polvere. 


3) I programmi di lavaggio più brevi consumano meno.

Non è sempre vero. Spesso i programmi più lunghi sono quelli che usano meno acqua o temperature più basse. Verificate sempre sul libretto delle istruzioni della vostra lavatrice.

4) I lavaggi con centrifuga a più alti giri danno risultati migliori.

No. I test eseguiti da Altroconsumo dimostrano che le prestazioni della lavatrice, ad eccezione della rimozione di acqua, non dipendono dalla velocità della centrifuga.
Il più delle volte una centrifuga ad altri giri rende il bucato più "stropicciato" rendendo difficoltosa la fase dello stiro.

5) E' sempre indispensabile separare bianchi e colorati.

Non è sempre vero. Infatti non tutti i capi colorati perdono colore, sopratutto se utilizzate basse temperature. Molto  importante e troppo spesso trascurata è invece l'abitudine di separare i capi più sporchi da quelli che lo sono meno. Per i capi più puliti sarà sufficiente un  breve passaggio in lavatrice a temperature  tra i 30° ed i 40°, quelli più sporchi andranno pretrattati per poter essere lavati con ottimi risultati anche a temperature inferiori ai 60°.
E'  importante ricordare che tra un lavaggio a 40° ed uno a 60° o superiore il consumo energetico aumenta notevolmente.

***



Tanti consigli per una pulita e ordinata senza fatica.
Ricette facili ed efficaci per realizzare in casa i tuoi detersivi.






2 commenti:

  1. Molto interessanti e utili i tuoi consigli. In effetti si demonizza spesso il calcare; mia mamma ha una lavatrice vecchissima che funziona ancoira, e lei sostiene "che sta insieme grazie al calcare"! Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta insieme grazie al calcare è troppo bella! Tua mamma è un mito!

      Elimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)