mercoledì, settembre 18

UNGUENTO ALLA CALENDULA



Adoro tutte le creme a base di calendula.
E' davvero adatta alla pelle di tutta la famiglia,  bambini compresi.

Quando la pelle si presenta secca o sciupata, questo unguento è un vero toccasana.
Perfetto per mani e piedi screpolati e per proteggere la pelle dal freddo, ma anche per dare sollievo quando l'epidermide è arrossata.
La calendula inoltre è conosciuta come una delle principali piante medicinali cicatrizzanti, per questo l'unguento è ottimo da massaggiare sia sulle ferite che sulle cicatrici.
L'ideale per le pelli sensibili o screpolate, per trattare i geloni ma anche le ustioni; si tratta di una pianta pianta medicinale che può essere impiegata universalmente e non può mancare nella nostra farmacia domestica.

L'unguento è arricchito con burro di cacao e cera d'api per le loro qualità emollienti.

Vista la massiccia presenza di cera d'api,  di burro di cacao e l'assenza di acqua, l'unguento si presenta piuttosto 'compatto' e non morbido e cremoso come le creme che vi propongo di solito.
Ne basta davvero poco e va massaggiato fino a completo assorbimento.

I bambini la passano sulle piccole ferite o sulle punture di insetti per un sollievo immediato ma anche sulle labbra quando appaiono secche e screpolate.
Ottimo l'effetto su mani e piedi (soprattutto i talloni) che hanno bisogno di cure "extra".


Unguento alla calendula: gli ingredienti




L'ingrediente di base per la preparazione di questo meraviglioso unguento è l'oleolito di calendula, che potete anche acquistare già pronto, ma visto che è semplicissimo vi consiglio di prepararlo in casa (è anche più conveniente economicamente).


Come preparare in casa l'oleolito di calendula


Per preparare l'oleolito sono indispensabili i fiori essiccati di calendula, che potete ordinare in erboristeria oppure in rete, ed un olio a vostra scelta tra oliva o girasole ma molti sono coloro che impiegano olio di riso o mais.

Ingredienti


  • 4 cucchiai di fiori di calendula essiccati
  • olio di oliva o girasole quanto basta


Versate i fiori secchi all'interno di un vaso di vetro, poi riempite il vaso con l'olio (sino a sommergere completamente i fiori e conservate lontano da fonti di calore, a temperatura costante per un mese  circa, agitando il vaso di tanto in tanto.
Spesso io unisco ai fiori di calendula anche un cucchiaio di fiori di lavanda che sono tonici e sedativi.

Leggi anche: il metodo migliore per preparare un oleolito

Unguento alla calendula: la ricetta


  • 30g  di Oleolito di calendula 
  • 2 g di cera d'api (la trovate QUI, oppure su Amazon QUI)
  • 5 g di burro di cacao (lo trovate QUI oppure su Amazon QUI.)
  • poche gocce di olio essenziale a scelta (facoltativo)


Pesate gli ingredienti e poneteli su un piatto.
Scaldate a bagnomaria sino a completo scioglimento del burro di cacao e della cera d'api.
Versate in un vasetto di vetro.
Unite l'olio essenziale scelto, mescolate e fate raffreddare.
Occorrerà qualche ora prima che l'unguento si rapprenda.

La ricetta non contiene acqua, pertanto la preparazione si conserverà per  mesi.



***



Tante nuove e intriganti ricette (ben 67 ) 
ed importanti approfondimenti che vi permetteranno
di fare le scelte migliori per la vostra bellezza e la vostra salute.


~~~

NUOVO!!!!!





37 Video,  22 lezioni teoriche, 15 videoricette ed 1 e-book compongono il mio primo VIDEOCORSO di cosmesi naturale fai da te.



***

Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli ultimi articoli e le risorse gratuite






15 commenti:

  1. Interessante... in effetti ho bisogno di una crema davvero forte per la notte, le mie povere mani soffrono di una strana irritazione da diversi anni e necessitano di continua nutrizione...

    RispondiElimina
  2. giusto giusto ieri parlavo con un amico per cui ho preparato la crema mani l'anno scorso e gli dicevo che avrei voglia di provare qualche cremina nuova...grazie cara, sempre ottimi i tuoi consigli!
    un abbraccione one one

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa è davvero un portento! anche i bambini l'adorano...ogni volta che si fanno male corrono a prendere l'unguento...la panacea di tutti i mali per loro...i bambini sono meravigliosi!

      Elimina
  3. Ciao!
    sono alla ricerca di prodotti homemade da regalare a Natale e questa cremina entra dritta dritta nella lista delle cose da fare! Mi piace!!! Chiaramente prima la farò per me! :P
    Grazie!!!
    Un abbraccio e buona giornata a tutti!
    Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Erika,
      anche io lo scorso anno a Natale ho regalato confezioni con creme e saponi realizzati da me...ti dirò..un vero successo!!!!!!
      ...anche per il portafogli....

      Elimina
    2. ribuongiorno! :-)
      concordo con Ste ed Erika, io pure mi son messa di sana pianta e tanta pazienza a creare saponi, creme, dentifricio, olii dopobagno e ne ho fatto dei cestini....apprezzatissimi e super economici, così si sistemano un sacco di parenti e amici e si fa qualcosa di buono e utile per l'ambiente e per il portafogli, oltre che la grande soddisfazione di far qualcosa da sé!
      ciaooo

      Elimina
  4. l'olio di Calendula che acquisto è ottenuto dalla macerazione dei fiori di Calendula in olio di Oliva, Sesamo e Girasole per circa 45 giorni. L'ho provato sulla cute del mio nonno che era soggetta a desquamazione del cuoio capelluto e mi ha fatto accendere il pc per andare su internet e ricomprarlo!!!
    http://www.prodottidibenessere.it/it/purezza-oli-viso-e-corpo/1773-calendula-bio-50-ml-200089.html

    RispondiElimina
  5. Grazie mille per l'indicazione!
    A presto

    Ste

    RispondiElimina
  6. Ciao
    prima di tutto volevo farti i complimenti per come hai aggiornato il sito, veramente bello e funzionale!
    Ho letto la ricetta per fare questa crema alla calendula. Premetto subito che, oltre al sapone, non ho mai fatto creme quindi se decido di farla sarebbe la prima! Però io adoro la calendula e di oleolito ne ho tanto! Volevo chiederti: un cucchiaino di cera d'api a quanti grammi corrispondono, io ce l'ho ma la dovrei spezzettare Volevo anche dirti che di sapone ne ho fatto altro, l'ultimo con la mimosa visto che ce n'è tanta in giro.
    Un salutissimo
    Mirella

    RispondiElimina
  7. Ciao Mirella, che piacere sentirti! sono davvero felice che ti piaccia il sito...ho cercato di renderlo più simile a me...
    Fai bene ad iniziare da questo unguento perchè è semplice , non deve essere montato come una crema, ma soprattutto per me è davvero un toccasana! molto versatile lo uso per tutto! Per le mani quando sono molto screpolate la sera prima di andare a dormire, per le labbra quando hanno bisogno di un trattamento d'urto, per il naso arrossato quando in famiglia abbiamo il raffreddore...insomma è davvero valido. La consistenza non è cremosa ma l'aspetto non proprio 'bellissimo' nasconde pero' una qualità eccezionale. Per la cera d'api anche io ho un grosso blocco che devo spezzare. ..non ho la bilancia dei grammi e non saprei dirti (credo 4 grammi circa) ..tu fai piccoli pezzi e mettili nel cucchiaino per farti un'idea della quantità...Tieni presente che più cera metti più viene solida e si rapprende. Comunque per qualsiasi chiarimento scrivimi!!!! Uauuuu il sapone alla mimosa sei un pozzo di creatività!
    Ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ste
      Sto cercando di reperire il burro cacao per provare questo unguento. Volevo dirti però che provato a fare una "cremina" molto molto semplice con gel di pale di fichi d'india prodotto da me.
      Devo dire che è venuta bene...Poi proverò le tue ricette. Sto cercando di capire il meccanismo, chissà!...
      Un abbraccio
      Mirella

      Elimina
    2. Mi stupisci sempre..!!! cosa è il gel di pale di fichi d'india? mai sentito nominare...sono curiosa...

      Elimina
    3. Allora questo gel può essere paragonato a quello di aloe. Qui da noi sparsi un po' ovunque ci sono tantissimi fichi d'india che sono frutti buonissimi. Sono piante anche molto alte io ho prese 3 foglie (che si chiamano pale) belle grandi e grassocce le ho messe in acqua poi le ho prese e le ho fatto a pezzi (ho visto che era più comodo) e le ho "sbucciate" molto facilmente. Di spine ne erano pochissime, non ho avuto bisogno di guanti. Dal gel che ne è uscito ho tolto dei filamenti fibrosi (un po' come per la verdura) l'ho tagliata a pezzi piccoli, messi in un becher e ho frullato con il minopimer. Si ottiene un ottimo gel ricco di tantissime prprietà, però poichè non ho il conservante si può congelare nei cubetti del ghiaccio. Oggi pomeriggio ho rilavorato del mio sapone e dentro vi ho inserito dei cucchiai di questo gel ora è nelle formine. Ciao....

      Elimina
    4. Grazie mille! sei stata chiarissima!
      Io ho la pianta di aloe vera in casa, provero' a farlo con quella!
      Grazie mille!

      Elimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)