lunedì 22 gennaio 2018

Crema fai da te alla calendula per pelli irritate, sensibili e delicate


Questo rimedio non manca mai in casa mia; la crema alla calendula è semplice da preparare ed è una soluzione efficace per numerosissimi problemi, dalle punture di insetto, alle irritazioni da pannolini, dall'acne alle infiammazioni da scottature.
Vi servono solo una manciata di ingredienti e qualche piccolo segreto per preparare questa crema dalle mille proprietà.
E' facile da stendere, si assorbe facilmente e lascia una pelle morbida e setosa.
Ecco come potete prepararla a casa vostra.


Una crema fai da te dalle mille proprietà



Da secoli la calendula viene apprezzata per le sue proprietà fitoterapiche indicate nei casi di:

  • pelle secca, arrossata e screpolata
  • doposole
  • post-rasatura
  • piaghe da decupito
  • prevenzione smagliature
  • ragadi
  • eritema solare
  • dermatite atopica o da pannolino
  • punture d'insetto
  • calli
  • emorroidi
  • psoriasi

L'efficacia dei questa crema è potenziata dalla combinazione delle proprietà della calendula con quelle del burro di karitè, perfetto per ammorbidire la pelle, per riparare le piccole ferite, per sfiammare zone arrossate, per combattere le scottature, per lenire la pelle anche quella più delicata.

Ingredienti


3 g di cera d'api (puoi acquistarla QUI
15 g di burro di karitè (puoi acquistarlo QUI
15 g di oleolito di calendula


Come preparare l'oleolito di calendula


Acquistate in erboristeria 100 g di fiori secchi di calendula (costano pochi euro) e metteteli all'interno di un vasetto di vetro possibilmente scuro o comunque schermato dalla luce, ed aggiungete circa  500 ml di olio di oliva oppure di girasole o riso (in modo da coprire completamente i fiori)  poi chiudetelo con un coperchio.

Mescolate tutto girando il vasetto almeno una volta al giorno per circa un mese.
Dopo 30 giorni filtrate il composto, il vostro oleolito è pronto e si conserverà a lungo, in particolare se lo preparate in olio di oliva.

Come realizzare la crema


Fondete a bagnomaria all'interno di un vasetto di vetro la cera d'api ed il burro di karitè.
Aggiungete l'oleolito di calendula e qualche goccia di olio essenziale a piacere se lo desiderate.
Con le fruste montate il composto fino a quando si rapprende ed assume l'aspetto di una crema soffice.
Per rendere veloce il procedimento mentre azionate le fruste, immergete il vasetto di vetro con il composto in una ciotola di acqua fredda (avendo cura che questa non entri all'interno).
Il raffreddamento renderà più facile montare la crema.


La crema non contiene acqua e si mantiene per un paio di mesi senza problemi in luogo fresco e asciutto.


***


.

Una guida facile per realizzare in casa i propri cosmetici
64 ricette per ogni parte del corpo; dalla testa ai piedi

ACQUISTALO QUI

***

Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli ultimi articoli e le risorse gratuite


2 commenti:

  1. Ma il burro di karitè scaldato con la cera non perde le sue proprietà? Infatti nelle creme si mette sempre fuori dal fuoco.

    RispondiElimina
  2. Ciao Giovanna io di solito lo scaldo a bagnomaria ( che comunque è una pratica molto comune) ovvero in modo delicato e resta quindi prodotto dalle elevate proprietà nutritive. Puo' essere anche utilizzato così com'è o semplicemente montato con le fruste, in questo caso certo nulla andrà perduto.

    RispondiElimina

DIMMI COME LA PENSI.
Per commentare utilizza un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".

La Magia è credere in se stessi: se riusciamo a farlo, allora possiamo far accadere qualsiasi cosa. (Goethe)